Renzini, tanti proclami, poi tanti divieti, sempre poche azioni concrete

ll Regolamento di Polizia Urbana va applicato

 
Chiama o scrivi in redazione


Renzini, tanti proclami, poi tanti divieti, sempre poche azioni concrete
Foto inviata da un residente

Renzini, tanti proclami, poi tanti divieti, sempre poche azioni concrete

da Fabrizia Renzini
Tanti proclami, poi tanti divieti, sempre poche azioni concrete
ed utili per la città e soprattutto per i giovani. Ordinanze proibitive, telecamere annunciate, sicurezza, interesse per il territorio e per “la Festa”…ma cosa si fa concretamente durante tutto l’anno per sostenere la città e le iniziative per i giovani se non proclamare e vietare proprio a settembre? E’ normale che si riducano i vari “orari di svago” ma mai, dico mai, venga invece disposto – almeno in questi giorni – un servizio notturno della Polizia Locale?

Durante il giorno tutti in giro per la città a fare multe per divieto di sosta e dischi orari scaduti. Ma di notte? Invece di limitare gli orari delle taverne perché non facciamo fare dei controlli fino a tarda notte come in tutte le città del mondo in cui ci sono eventi importanti che potrebbero causare disagi di vario genere e magari solo x colpa di qualche “scriteriato” che si approfitta del clima di festa?

Esempi concreti? Per Umbria Jazz a Perugia, per la Festa della Cipolla a Cannara, per l’ultimo Cortile di Francesco ad Assisi.

E potrei citare non so quante altre manifestazioni! Qui invece cosa si fa? Si punisce l’iniziativa di coloro che cercano di animare questa città almeno per 15 gg all”anno! Ieri sera, dopo i giochi, ho fatto un salto alla taverna di San Rocco, anche la mia taverna. Ragazzi felici e soddisfatti che gioivano per la vittoria. Al contrario, fuori, intorno ad una panchina, un gruppo di adolescenti il cui comportamento evito di descrivere.

Controlliamo queste situazioni piuttosto! È qui che é necessario intervenire! …e non su chi vuol divertirsi dopo un anno di preparazione e lavoro ! Esiste un Regolamento di Polizia Urbana che vieta l’uso di alcool nelle aree pubbliche, imbrattamento e danni al patrimonio comune, ed altri atti diciamo…incivili?!? Bene.

Chi lo applica? Lo scorso anno il nostro Comune ha accertato circa 284.000 euro di incassi per sanzioni dei quali solo 552 per violazione ad altri regolamenti comunali, tra cui il Regolamento di Polizia Urbana (quello che dovrebbe sanzionare anche chi in questi giorni ha imbrattato senza motivo il muro da poco restaurato della Chiesina di Sant’Angelo).

Vogliamo poi parlare degli escrementi dei cani? Andate a chiedere quante persone sono state multate! Zero !!!Eppure la città fa schifo; ho un cane e vedo cosa giace sui marciapiedi. Detto questo, mi chiedo: ma dove vogliamo andare di questo passo? Abbiamo ben altre situazioni a cui far fronte!

Fermo restando il dovere di ognuno di noi di adoperarsi al rispetto della città e degli altri, non si possono scagliare pietre da parte di chi è immobile nelle iniziative.

Per finire, i miei complimenti al #RioneSanRocco, ai ragazzi tutti ed al capitano e soprattutto un abbraccio ad #AdeleCecconi a cui va la mia vicinanza, anche di mamma. Siate sportivi, leali e rispettosi dei vostri avversari! Il Palio è anche e soprattutto questo! E buona continuazione di Festa a tutti i Rionali dei 4 Rioni

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*