Università libera, presentato il programma per l’anno accademico 2019/2020

Università libera, presentato il programma per l’anno accademico 2019/2020

Università libera, presentato il programma per l’anno accademico 2019/2020

Domenica 20 ottobre è stato presentato il programma dell’anno accademico dell’Università libera del comune di Bastia. Presso l’Auditorim Sant’Angelo, che per l’occasione era gremito di gente sono state presentate tutte le attività, suddivise in sentieri, percorsi di condivisione, percorsi di divertimento ma soprattutto percorsi dello stare insieme. Il sindaco Paola Lungarotti ha salutato tutti gli intervenuti con gioia, manifestando entusiasmo per la numerosa partecipazione.

Ha inoltre ricordato che l’Università Libera, che quest’anno compie il 26esimo anno dalla sua fondazione, è stata da sempre un bacino dove si sono visti ricambi generazionali e di idee ma ha sempre rappresentato una fucina di novità. Il programma è caratterizzato da un motivo ricorrente quest’anno: i sentieri.

È così che il presidente Rosella Aristei, insieme al comitato direttivo, ha voluto organizzare e suddividere i diversi corsi. Il sentiero di benessere, delle arti, dell’anima, della scoperta, della comunicazione e del gioco; tutti a misura delle persone che vi parteciperanno. Ricchissima l’offerta formativa di quest’anno: uscite culturali, percorsi di gusto, laboratori di arte di manipolazione, laboratori di musica, lezioni di ballo, corsi di lingua straniera, corsi di computer e tanto altro ancora.

La condivisione quindi diventa un momento di benessere che migliora la qualità della vita. Per iscriversi ai corsi basta compilare il modulo che si può reperire presso l’ufficio Cultura sport e pubblica istruzione del Comune di Bastia Umbra o iscriversi direttamente online sul sito. Buon viaggio e buon divertimento a tutti coloro che vorranno partecipare a questa meravigliosa e sempre entusiasmante avventura. (Valentina Rinaldi)

1 Commento

  1. che entusiasmo! Alla riunione erano presenti più o meno la metà di quelli che c’erano negli anni passati. Ma non solo. Si sono viste facce nuove che, forse, non si vedranno più, chi erano? Alla manifestazione, negli anni passati, partecipavano persone che leggevano i miseri manifesti che il Comune affiggeva, non c’erano inviti, né altro.
    A tal proposito sarebbe utile paragonare la spesa finora sostenuta per questa ultima manifestazione con quelle passate.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Solve : *
20 × 25 =