Inseguimento, speronamento e feriti a Bastia Umbra, rubate banconote, attimi di panico FOTO E VIDEO

Inseguimento, speronamento e feriti a Bastia, rubate banconote, attimi di panico

Inseguimento, speronamento e feriti a Bastia Umbra, rubate banconote, attimi di panico.  Inseguimento e speronamento tra due auto in via Torgianese, in direzione centro a Bastia Umbra. Il fatto è avvenuto poco prima delle 14 di oggi – venerdì 10 agosto 2018 – lungo i tornanti della via che precedono il ponte sul fiume Chiascio, nel quartiere di Santa Lucia. Una delle due auto, con a bordo due persone che sono rimaste ferite e trasferite al pronto soccorso dell’ospedale di Perugia, dopo il colpo è finita di sotto al terrapieno di sostegno alla via principale e a quella secondaria, Eugenio Curiel, con un volo di circa tre metri. Dalla Polo Volkswagen, nello schianto, pare siano uscite alcune banconote che sono finite sull’asfalto che dà proprio davanti al giardino di una abitazione.

Fermato dai Carabinieri di Assisi per violenza, forse coinvolto un minore
Maggiore Marco Vetrulli

E’ arrivata una terza persona, non si esclude sia colui che era a bordo del suv inseguitrice e speronatrice, ha raccattato i soldi e si è rapidamente dileguato. Una scena da film della Chicago anni Venti, ma si è trattato di pura realtà. Una realtà che ha gettato nel panico le persone – anche una famigliola che stava sorseggiando un caffè nel giardino – che hanno assistito alla scena. Immediato l’allarme ai Carabinieri, ai Vigili del fuoco e al 118. Sul posto una squadra di caschi rossi del distaccamento di Assisi unitamente ai militari dell’Arma, della compagnia comando di Assisi, al seguito del maggiore, Marco Vetrulli, più i soccorsi sanitari.

>>> IL VIDEO <<<

Tutto questo, ovvio, attende una conferma ufficiale da parte degli investigatori: “Stiamo lavorando – è stato il commento lapidario del comandante Vetrulli – e c’è il massimo riserbo sulle indagini”. Un fatto inquietante sul quale occorre fare chiarezza immediatamente. L’auto che è volata sotto al terrapieno avrebbe potuto schiacciare qualcuno o uccidere gli stessi occupanti. Chi era che inseguiva la Polo? Chi è colui che ha raccolto in fretta e furia le banconote? 

Che c’è dietro a questa vicenda? “Il tutto – dice chi ha visto – si è svolto in un attimo, non c’è stato neanche il tempo di realizzare se si trattava di un incidente autonomo, di una collisione o altro”. Danni ingenti anche alle infrastrutture di sicurezza che il Comune ha collocato su quell’incrocio. Ringhiera strappata via, segnale stradale abbattuto, palo dell’indicazione della via schiantato. Un inferno, insomma, e tutto questo in un, apparente tranquillo, fine settimana a Bastia Umbra.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*