Si getta dal ponte sul fiume Chiascio, ricoverato in ipotermia all’ospedale di Perugia

Si getta dal ponte sul fiume Chiascio, ricoverato in ipotermia all’ospedale di Perugia

L’uomo di 50 anni circa, che ieri sera si è gettato dal ponte sul fiume Chiascio a Bastiola di Bastia Umbra, è ricoverato in medicina interna all’ospedale di Perugia. Le sue condizioni di salute, nel complesso, non sono gravi. Il 50enne, dopo essersi gettato, è stato recuperato dai vigili del fuoco di Assisi e Perugia con tecniche Speleo Alpino Fluviale e consegnato alle cure del 118.

I pompieri lo hanno tirato su mediante paranchi su corda. Sul posto è intervenuto uno spiegamento di forze dell’ordine e di soccorso. C’erano i vigili del fuoco, con una squadra di Assisi Speleo Alpino Fluviale e un’altra squadra da Perugia, con un carro speciale SAF per tutta l’attrezzatura del caso, i carabinieri con due pattuglie, due ambulanze e un’automedica e la polizia di stato con una pattuglia da Assisi.

L’uomo, quando è stato recuperato, era cosciente, parlava con il personale e con le braccia si teneva aggrappato per tenersi a galla ad alcuni tronchi, che sporgevano dall’acqua.

Una volta salvato è stato trasportato in ospedale dal personale sanitario.  E’ arrivato al Santa Maria della Misericordia di Perugia in condizioni di ipotermia, era rimasto in acqua per tanto tempo. Data la situazione i sanitari hanno optato per il ricovero, come detto, in medicina interna. Solo il caso e una buona dose di fortuna hanno evitato il peggio.

Il 55enne, infatti, non ha riportato lesioni di nessun tipo tranne ciò che è collegato allo stato di ipertermia. Non è in pericolo di vita. E’ una persona con diversi disagi psichici e con episodi simili alle spalle.




Un uomo si getta dal ponte di Bastiola, in tanti per salvarlo 📸 FOTO

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*