Amministrazione comunale soddisfatta dell’operazione anticrimine

E' stata svolta a Bastia Umbra in collaborazione tra Polizia di Stato e Polizia locale

 
Chiama o scrivi in redazione


Controlli notturni Polizia, bene interforze a Bastia Umbra

Amministrazione comunale soddisfatta dell’operazione anticrimine. “Sono soddisfatto del lavoro svolto con l’operazione interforze messa in atto nella notte di giovedì 29 giugno 2016, volta a scoraggiare i malintenzionati presenti nel nostro territorio”. E’ quanto ha dichiarato il Sindaco di Bastia Umbra Stefano Ansideri all’indomani del monitoraggio, il primo del genere nel territorio comunale, che ha visto protagonisti la Polizia di Stato, gli equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine Umbria-Marche in sinergia con gli agenti della Polizia Locale, diretti dal comandante Maggiore Carla Menghella.  I controlli sono stati coordinati dal Vice Questore Aggiunto Francesca D. DI LUCA, dirigente del Commissariato di Assisi. “Un grazie particolare – ha concluso il Sindaco – rivolgo volentieri all’Assessore comunale alla Sicurezza Catia degli Esposti, che ha voluto questa iniziativa, avendo il merito inoltre di seguire con grande attenzione i problemi della sicurezza del nostro Comune”.

In effetti l’Assessore Degli Esposti fino ad oggi, pur mantenendo uno strettissimo riserbo, ha lavorato con grande impegno per propiziare questa operazione, che vuole rispondere ai numerosi atti vandalici nelle aree verdi e più in generale ai danni arrecati senza alcune motivo al patrimonio pubblico nel territorio comunale.

“Ci siamo resi conto che la situazione da qualche tempo è diventata seria a causa degli atti vandalici e dei ripetuti danneggiamenti – rileva la dottoressa Degli Esposti -, ma anche da alcuni casi di alto rischio sociale, come la recente chiusura per attività di spaccio di sostanze stupefacenti di un noto bar nel centro urbano della città. I controlli ordinari non potevano essere garanzia sufficiente a fronteggiare questa situazione e occorre una forte azione coordinata di prevenzione e repressione sul territorio. Per questo, abbiamo chiesto l’intervento alle autorità di polizia di più alto livello e la Polizia di Stato ha risposto in modo esemplare e con grande professionalità operando in collaborazione con la nostra Polizia locale. Questo di giovedì 28 giugno è il primo, ma non ultimo controllo del territorio, che servi a creare terra bruciata intorno ai personaggi coinvolti a vario titolo e soprattutto a dare serenità e tranquillità alla popolazione residente che ha pieno diritto di vivere in pace”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*