Il raduno cicloturistico in aiuto della Casa di Jonathan

 
Chiama o scrivi in redazione


Domenica 26 Aprile a Bastia Umbra si è svolto il primo raduno Cicloturistico organizzato dall’ASD XXV Aprile. Un incontro sportivo che valeva come 2^ prova del Campionato Regionale Cicloturismo per Società. All’iniziativa ha partecipato anche il sindaco di Bastia Umbra, Stefano Ansideri. Un percorso che, partendo da Bastia U., si è sviluppat per 70 KM attraversando i Comuni di Bastia Umbra, Assisi, Cannara, Bettona e Torgiano, con tappa a metà percorso presso la “Cantina Di Filippo” a Cannara e rientro a Bastia Umbra.

Il Presidente Stefano Tiberi “Con piacere espongo l’iniziativa che tutto il gruppo ha voluto prendere, sia nell’organizzare il primo Raduno di Cicloturismo a Bastia Umbra sia nel decidere di dare un contributo di solidarietà all’Associazione il Giunco, fondata dalla professoressa Rosella Aristei, che lavora a favore dei ragazzi disabili del Comprensorio. E’ un momento per noi importante e l’impegno di tutti è molto forte; il percorso è stato quindi interessante sia dal un punto di vista sportivo sia da quello sociale. Grande disponibilità è stata data sia dagli enti Istituzionali come il CONI, il Comune di Bastia Umbra, Federazione Ciclistica italiana con il Comitato Regionale Umbria, sia da sponsor privati, in particolare dalla Cantina Di Filippo di Cannara”.

Una grande gara, che porti tanta solidarietà alla Casa di Jonathan. Il Presidente dell’Associazione “Il Giunco”, Rosella Aristei ha detto:  “Ringrazio il gruppo sportivo, mi compiaccio per aver coniugato sport, divertimento, socialità e solidarietà. Sono fortemente consapevole dell’importanza di ogni goccia che aiuta a raggiungere l’obiettivo che l’Associazione si è data in questo anno, ossia il completamento del piano terra della casa di Jonathan. Siamo ormai vicini e sarà bello poter festeggiare anche con l’ASD XXV Aprile il prossimo appuntamento di inaugurazione. Sicuramente un giorno importante per tutti i soci, per i genitori e per i ragazzi meno fortunati che potranno fruire delle attività che si svilupperanno nella casa“.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*