Io “ti imparo” l’italiano! Un colpo di “Crusca” qua e là

di Arnolfo Della Crusca
Seguo con divertito interesse le animate discussioni che in questa fase di campagna elettorale si sviluppano sui vari quotidiani on-line; non entro nel merito politico, che non mi compete e poco conosco. Vorrei solo fornire qualche recente informazione grammaticale: la “spending review” di Cottarelli non si è, per il momento, abbattuta sulle virgole di cui, insieme ad apostrofi e punti e virgola, è lecito un uso moderato.

Tagli decisi, invece, sugli accenti(su qui quo e qua l’accento non ci va). Non sono passati in Commissione i temuti tagli lineari sulle zeta (terrazo, spiazo, razo, pazo, mazo, ..zo), ma verranno colpiti sprechi e abusi (istruzzione, eccezzione, educazzione,  concezzione, costituzzione).

La Corte Costituzionale ha rigettato la proposta della Lega Sud-Nord-Est-Ovest per un referendum abrogativo del congiuntivo, il cui uso in dosi moderate rimane consentito sia a scopo terapeutico che ricreazionale; viene ribadita tolleranza zero nei confronti dei criminali abusi da parte delle Brigate Fantozziane (venghi, vadi, dichi, si accomodischi). Sono in fine segnalate imitazioni (probabilmente cinesi) in cui i congiuntivi vengono sostituiti da condizionali di bassa qualità(se mio nonno ci avrebbe le rotelle, sarebbe un carrettino).
Un saluto e Buona Campagna Elettorale a tutti!

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*