Abbattimento passaggio a livello di Ospedalicchio, ci siamo, dice Pastorelli

Se c'è stata questa svolta in tempi rapidi è grazie al mio interessamento e a quello dei consiglieri comunali della Lega di Bastia

 
Chiama o scrivi in redazione


Abbattimento passaggio a livello di Ospedalicchio, ci siamo, dice Pastorelli

Abbattimento passaggio a livello di Ospedalicchio, ci siamo, dice Pastorelli

“Abbattimento passaggio a livello di Ospedalicchio, ci siamo”. Sulla questione interviene il capogruppo Lega Umbria, Stefano Pastorelli. “Se c’è stata questa svolta in tempi rapidi è grazie al mio interessamento e a quello dei consiglieri comunali della Lega di Bastia, Catia Degli Esposti e Jessica Migliorati, che, sommato alle sollecitazioni del sindaco di Bastia, Paola Lungarotti, ha avuto l’effetto di portare alla luce il problema di cui si è subito interessato l’assessore regionale Enrico Melasecche, lavorando di concerto con Stefano Nodessi, direttore della Protezione civile regionale.

  • finalmente l’opera viene sbloccata

Stefano Pastorelli
Dopo 14 anni di immobilismo della Regione Umbria, finalmente l’opera viene sbloccata dopo pochi mesi dall’entrata in campo del nuovo governo regionale a trazione leghista. Entro il mese di settembre verrà firmato il protocollo in modo da consentire alle Ferrovie dello Stato di procedere con un appalto integrato e far partire il bando per l’abbattimento del passaggio a livello di Ospedalicchio.

  • un sovrappasso e quindi il problema dei pozzi dovrebbe essere risolto

Il progetto previsto dalla provincia per la nuova viabilità si traduce in un sovrappasso e quindi il problema dei pozzi dovrebbe essere risolto, poiché eventualmente, le acque di scolo dal cavalcavia verranno raccolte in vasche di prima pioggia e i pozzi saranno protetti. L’unico ostacolo potrebbe essere quello rappresentato dal parere della Sovrintendenza, ma restiamo fiduciosi. L’opera è in dirittura di arrivo e non c’è pericolo di perdere i fondi in quanto si conta di chiudere gli ultimi passaggi entro breve tempo”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*