Elezioni Bastia Umbra han fatto la loro comparsa i video emozionali, ma…


Scrivi in redazione

Elezioni Bastia Umbra han fatto la loro comparsa i video emozionali

Anche a Bastia in campagna elettorale hanno fatto la loro comparsa i video emozionali. Vediamo una persona che comoda e tranquilla passeggia in bicicletta in una piazza senza traffico e auto parcheggiate, che incontra famiglie, che abbraccia e bacia, che fa conferenza con dei bambini e così via. Un video similare ha anche aperto la campagna elettorale, ammiccando al valore dei giovani, alla loro importanza e alla massima attenzione che questi hanno e avranno. Il tutto girato in uno spazio dove la street art vive e prospera da tempi immemori in uno spazio dedicato dove i vari artisti si possono esprime liberamente, uno spazio messo a loro disposizione, ovviamente, non da questa Amministrazione .

La grande attenzione ai giovani, infatti, svanisce addirittura all’interno della campagna elettorale stessa, mettendo a nudo che chi è attualmente al governo non è in grado di fare quanto dice pur avendo tutti gli strumenti necessari per farlo.

Quello che fa riflettere è l’uso puramente strumentale delle immagini e dei valori che vengono presentati nel video. Un film già visto 10 anni fa con i Giovani Bastioli che diedero un forte contributo nella tornata elettorale, ma che poi raccolsero il nulla in termini di spazi e promesse volte al loro sostegno e sviluppo!

Per noi lo spazio dei giovani va valorizzato ed è chiave di volta in una macchina amministrativa che si propone di guardare con avanguardia al futuro.

Invitiamo tutti, giovani e  meno giovani, a meditare!

#avantinsiemeBastia

1 Commento

  1. L’intervento video è stato realizzato per invitare gli elettori a prendere coscienza della realtà economico-sociale in cui ci troviamo a fronteggiare molteplici realtà che non sempre hanno il pieno possesso degli strumenti più idonei per dimostrare che la realtà è costruita intorno a valori ben quantificabili e corretti; troviamo infatti un disegno il più coerente possibile con la realtà sociale in cui viviamo, al contrario sarebbe apparso non coerente se oltre a passeggiare in bicicletta oppure camminare in mezzo ad parcheggi dai bei posti auto si sarebbe costruito attorno ad una città che non offre la possibilità di esprimersi in alcun modo, nonostante si tenda a criticare la giunta attuale, che se dica ha lasciato ampie possibilità di esprimere la propria arte libera espressione di ciò che si vuole realizzare attraverso le più alternative tecniche pittorico-visive, nonostante non tutti i cittadini siano soddisfatti di questo attaccamento pittorico invasivo verso le costruzioni che rappresentano la sicurezza e l’ordine della nostra città. Valentina M.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*