Riaperto il ponte di Bastiola, dopo due anni di attesa VIDEO

Riaperto il ponte di Bastiola, dopo due anni di attesa

Riaperto il ponte di Bastiola, dopo due anni di attesa. Dopo il superamento di tutte le fasi burocratiche e l’aggiudicazione dei lavori, oggi è stata riaperta la viabilità sul Ponte di Bastiola.

“Una riapertura che non disattende i tempi previsti – fa notare l’Assessore ai Lavori Pubblici Catia Degli Esposti – con priorità assoluta alla ripresa della viabilità. Si tratta di un intervento importante, volto a garantire sicurezza e anche riqualificazione di uno storico manufatto”.

Il Ponte è stato infatti allargato nella diramazione su via Firenze attraverso la posa di una soletta di cemento e potrà ora contare su due corsie di marcia regolari con una banchina di sicurezza e un nuovo sistema di protezione (guardrail).

LEGGI ANCHE: Ultimi giorni di lavori e il Ponte sul Tescio a Bastia riaprirà

La viabilità è ripartita con il semaforo posizionato come in precedenza, in attesa del secondo stralcio del progetto di risistemazione che prevede la realizzazione della rotonda sull’asse della strada assisana.

Per quanto riguarda la SICUREZZA, ANCHE UN PERCORSO PEDONALE. “L’intervento di risistemazione – termina l’Assessore Degli Esposti – prosegue in continuità con la realizzazione del percorso pedonale lato Chiascio, dell’illuminazione e della pulizia delle arcate”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Riaperto il ponte di Bastiola, riqualificazione di uno storico manufatto

3 Commenti

    • dipende da cosa si intende per lavori? considerando che il titolo è “Riaperto il ponte di Bastiola, dopo due anni di attesa”…. semmai va un plauso alla ditta che ha eseguito i lavori…. e a chi ha “programmato” i lavori behh no comment!!! ma la passarella che da ciclo-pedonale magicamente è diventata solo pedonale?

  1. Visti i tempi biblici, si sperava in una cerimonia con tanto di fascia tricolore e anche con una benedizione pastorale, quest’ultima tanto mai importante per garantire lunga vita al ponte stesso, poiché, avere altri guai significherebbe esserne di nuovo ostaggio. Si spera inoltre che l’eventuale benedizione faccia da auspicio per una futura rotonda, non mega come quella in Via Roma, ma solo utile al caso. Se il rifacimento del ponte lo accostiamo alla Bibbia, credo che appartenga al Vecchio Testamento, così come il sottopasso di Via Firenze, il quale per forza di cose, si spera che andrà a compiersi insieme alla rotonda nel Nuovo Testamento, purtroppo noi tutti, non essendo dei Matusalemme, non credo che ne godremo dell’uso.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*