🔴 VIDEO – Paola Lungarotti a Cipresso, c’era sindaco, assessori e Marilena Marino

Paola Lugarotti, bisogna conoscere il territorio prima di parlare
Paola Lungarotti

🔴 VIDEO – Paola Lungarotti a Cipresso, c’era sindaco, assessori e Marilena Marino

del Direttore
Marcello Migliosi
«Ho un sogno, quello di avere uno spazio di socializzazione per i ragazzi. Uno spazio per i giovani, una serie di laboratori, dall’informatica alla falegnameria, un luogo dove, con le mani, possano tornare a creare. Di una cosa del genere ce n’è veramente bisogno, un luogo dove si possa tornare a sperimentare». La proposta è dell’insegnante, ma anche mamma, Anna Mazzanti di Cipresso che va verso la direzione della individuazione di un ruolo dello spazio della scuola di quartiere, una volta inaugurata quella di Villaggio XXV aprile, una sorta di fab lab, in sostanza.

Nel popoloso quartiere di Bastia Umbra, feudo “rosso” dell’ex sindaco Vannio Brozzi, è arrivata ieri sera la candidata del Centrodestra, Paola Lungarotti. La ex dirigente scolastica, al centro sociale della frazione bastiola, era accompagnata da Marilena Marino (Bastia Popolare) dagli assessori della Giunta uscente, Roberto Roscini e Filiberto Franchi, dal rappresentate di Fratelli d’Italia, David Elmi  e dal sindaco della città, Stefano Ansideri.

«Quanto diciamo Bastia – ha detto Lungarotti in uno dei suoi interventi (ha fatto anche da moderatrice al dibattito) – noi intendiamo “Bastia tutta”, sì il Centro, ma con esso tutte le frazioni e tutto ciò che rende Bastia la nostra città».

La candidata del Centrodestra punta molto, tra le altre cose, su quella che è “l‘educazione alla cittadinanza“. «Il bene comune – ha detto agli intervenuti – non è solo un concetto astratto è un grande connettivo sociale a protezione di un bene comune che non è solo nostro, ma sarà anche delle generazioni che seguiranno».

Il decoro, secondo Paola Lungarotti, è anche un concetto da estrinsecarsi a livello personale. Fare proprio, quindi, il presupposto ideologico della protezione della propria terra, della propria città.

120 chilometri di strade, anche questo recupero e rimessa in ordine è decoro, da mettere in programma con progetti di manutenzione, con un investimento che si può aggirare – l’anno – tra gli 800 e il milione di euro. «Questo progetto – assicura Lungarotti – ci farà avere delle strade che saranno finalmente a misura di cittadino. Certe strade – spiega – sono vecchie di decine e decine di anni e hanno bisogno di manutenzione».

La professoressa ha toccato, quindi, il tema dell’ambiente, quanto mai attuale proprio alla vigilia di #FridayForFuture lanciato da Greta Thunberg, la giovanissima attivista svedese impegnata per lo sviluppo di un ambiente sostenibile.

Il verde, per la candidata, sarà uno dei temi centrali del programma elettorale, prima, amministrativo poi.

«Tra le nostre proposte – ha detto – ci sarà anche quella di istituire una giornata ecologica». Ha quindi posto la domanda alle persone presenti se “avremo noi il coraggio di stare una domenica senza auto?”. Un po’, se vogliamo, come accadeva diversi anni fa, quando si adottò il sistema delle “targhe alterne“.



Ha rilanciato poi il mai sopito progetto di chiudere, non appena arriva la bella stagione, alcuni tratti di via Roma con la contemporanea realizzazione di iniziative di richiamo sociale ed economico. Un progetto che un tempo funzionava e anche parecchio.

David Elmi, Fratelli d’Italia

“Realizzeremo –  scritto sul suo portale internet – un sogno che i ragazzi chiedono da tempo – afferma – l’accademia della commedia dell’arte. In questa nuova visione del territorio stiamo lavorando da tempo anche su una nuova forma d’arte, la street art, l’arte urbana dei giovani, quest’anno Palio Open seguendo il tema della Sana Competizione si svolgerà allo stadio con i colori del graffitismo. Gli amministratori devono pensarsi come ponti per poter permettere ai giovani di esprimersi sul piano sociale, civile e civico».

Appassionato, come è nel suo carattere, l’intervento della cantante Marilena Marino Bastia Popolare. «Io voglio essere una del popolo – ha detto riferendosi alla lista Bastia Popolare -, dico questo perché vivendo la professione dell’artista, mi ha fatto affezionare a questa popolazione che tante volte ha partecipato ai miei spettacoli. Ora, però, è un popolo diverso, le persone che mi stanno davanti sono persone diverse e che si aspettano qualche cosa da me, in quanto ho deciso di candidarmi a sostegno di Paola Lungarotti».

Merilin ha puntato l’attenzione sulla condizione di essere donna, madre di famiglia – di sei figli “Uno in cielo” -, il ruolo di moglie e artista. “Lavoro con dedizione e forza tutto il giorno”, ha detto.

«L’egocentrismo dell’artista – ha aggiunto – nel corso del tempo è andato via via smussandosi fino a diventare una vera e propria coscienza sociale con una sensibilità aperta agli altri…si è, nel corso degli anni, sviluppata in me una “tensione verso l’altro”».

Marilena Marino

Sociale, quindi, ed rispetto delle esigenze delle persone, ascolto e condivisione. Concetti cari alla popolarissima cantante bastiola. Ha voglia, Marilena Marino, di impegnarsi nel campo dell’associazionismo verso i cui temi, Merilin, si dichiara “molto sensibile“. Il volontariato e ha ricordato la Caritas, le Parrocchie, ma anche le associazioni laiche che si occupano e si prodigano per gli altri. «Fasce deboli, anziani – ha ricordato -, troppe persone alla fine della loro vita vengono mandate negli ospizi, ho sensibilità e tenerezza verso queste “fasce ultime” della società».

Lungarotti ha preso spunto dalle riflessioni di Merilin per rilanciare quanto sia centrale il tema dell’associazionismo nel suo programma.  «Valorizziamo già – ha detto – il volontariato, lo abbiamo già fatto e faremo di più. Ma chi fa volontariato sa bene quanto quest’amministrazione ha fatto per quelle associazioni che ci occupano, a vario titolo, degli altri». E ha parlato della protezione civile.

Filiberto Franchi

Filiberto Franchi, assessore allo sport, ha annunciato che a Bastia Umbra sarà realizzato un centro studi per l’agroalimentare dell’università degli studi di Perugia, facoltà di agraria. Franchi, in vena di dar buone nuove e particolarmente contento per il fatto che c’era parecchia gente a seguire il dibattito, ha fatto un altro annuncio. «La piscina Eden Rock – ha annunciato – si ricostruirà. Abbiamo approvato l’ultimo passaggio, in consiglio comunale, che serviva per dare il via all’evidenza pubblica per l’affidamento del project financing».

Per il territorio di Cipresso – si legge ancora nel sito della Lungarotti – si è parlato della creazione di una pista ciclo pedonale e dei marciapiedi lungo via Cipresso fino a Bastia, della manutenzione e ammodernamento dell’area verde, del potenziamento del centro sociale riprendendo una vecchia idea che è quella di ampliare una zona coperta verso nord che potrebbe diventare palestra ed essere utilizzata anche da associazioni sportive.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*