School Volley Bastia strapazza Visus Cervia, fuori casa, 3 a 0


Scrivi in redazione

School Volley Bastia strapazza Visus Cervia, fuori casa, 3 a 0
Netta la superiorità delle ragazze di Sperandio che arrivano alla pausa pasquale a +3 dalle concorrenti di Forlì

Non rischia nulla la prima della classe del girone F di serie B2 nazionale, School Volley Bastia, che trova davanti a sé una poco convincente Visus Cervia, colpevole di non essere mai entrata veramente in partita. A sei giornate dal termine, Tosti (17 punti) e compagne vedono sempre più avvicinarsi il sogno promozione, ma l’insidia è sempre dietro l’angolo e servirá la consueta concentrazione per tenere dietro Forlì e Moie. Davvero troppo poco, per la Visus Cervia, quanto mostrato tra le mura amiche per sperare nella salvezza.

Parte con il piede sull’acceleratore la School capolista, che non fa complimenti e si porta subito avanti +6 al primo tecnico (2-8). Cervia rimane con la testa nello spogliatoio e la capolista decide non lasciare prigionieri: doppio ace di capitan Tosti che porta le sue al tecnico addrittura sul +13 (3-16). Primo parziale archiviato senza eccessive difficoltà, con Cervia che tenta di limitare un pesantissimo passivo, ma con scarsi risultati. Terzo ace del set con Meniconi che fa 7-23; a chiudere ci pensa l’ennesimo ace, questa volta di Lucrezia Ceccarelli (9-25).

Accenna una timida reazione la Visus Cervia, che tiene botta fino al break del 4-6 con il tocco morbido della Cruciani e il muro di Silvia Tosti. Ma quella delle romagnole è solo illusione, e Bastia allunga fino al time-out del 4-8, con le due squadre che tornano di nuovo a “catechismo” dai coach. Prende bene la misura al muro avversario, pur non irresistibile, la centrale Cristina Cruciani, che affonda una serie di colpi utili alla School Volley per tenere dietro le avversarie; al secondo tecnico Bastia è ancora avanti, grazie al fulmine (firmato – neanche a dirlo – Tosti) che si schianta sul parquet (11-16).
Amministra senza rischiare il sestetto di coach Sperandio: set in ghiaccio e girandola di cambi con l’ingresso per la School di Grimaldi, Gallina e Mancinelli. 13-25 per le ospiti che si aggiudicano, senza troppi ostacoli, anche il secondo parziale.
Reazione d’orgoglio del sestetto di casa, che parte bene nel terzo, ma, stesso canovaccio del precedente parziale, l’entusiasmo dura poco: Cervia soffre troppo il servizio della Tosti e, complice il gioco di prestigio della Cruciani, al time-out è 5-8 School Volley. Non tarda poi ad arrivare l’allungo della capolista, che profitta della cattiva ricezione di Cervia e con l’ace di Ceccarelli (ottavo del match), ed un servizio fuori delle romagnole, arriva al secondo tecnico sul +5 (11-16).
Incontro ormai incanalato in acque tranquille, con Cervia che non spaventa mai realmente le ragazze di Sperandio. Il primo tempo della Ceccarelli porta il risultato sul 13-21. Entra anche Christelle Nana per l’ennesimo trionfo targato School Volley Bastia: mura la Meniconi, chiude con il quarto ace personale la Ceccarelli (16-25). Gioco, partita, incontro: netta la superiorità delle ragazze di Sperandio che arrivano alla pausa pasquale a +3 dalle dirette concorrenti di Forlì. Qualcosa da rivedere per la Visus Cervia.

School Volley Bastia strapazza Visus Cervia

VISUS CERVIA – SCHOOL VOLLEY BASTIA = 0-3 (9-25; 13-25; 16-25)

VISUS CERVIA: Agostini, Furi 5, Proietti De Marchiis, Mendola 6, Pappacena 2, Ravaioli (L), Boldrini, Magnani 5, Capriotti 1, Rossi 6. N.e.: Zucchini, Maestri, Massi, Buccella. Allenatore: Massimo Braghiroli; vice: Sveva Sansovini.
SCHOOL VOLLEY BASTIA: Rocchi (L), Cruciani 11, Marcacci 2, Tosti 17, Gallina, Nana, Ceccarelli 9, Uccellani 3, Meniconi 10, Mancinelli (L2), Grimaldi. N.e.: Valentini, Alessandretti. Allenatore: Gian Paolo Sperandio; vice: Fabrizio Raspa.
ARBITRI: Luigi Argiró – Luana Rubini di Bologna
Visus Cervia: (b.s. 2, v.1, ricezione perfetta 43%, ricezione positiva 59%, attacco 22%, muro 4, errori 20).
School Volley Bastia: (b.s. 4, v.9, ricezione perfetta 50%, ricezione positiva 63%, attacco 35%, muri 9, errori 5).

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*