Giunta Lungarotti: passata da 13 a 11 settori. Nomine in vigore sino a fine anno

 
Chiama o scrivi in redazione


Giunta Lungarotti: passata da 13 a 11 nomine in vigore sino a fine anno

logo corriere dell'umbriaGiunta Lungarotti: passata da 13 a 11 settori. Nomine in vigore sino a fine anno

La giunta Lungarotti ha operato una riorganizzazione dell’assetto lavorativo del Comune. Nello specifico è stato deciso che i settori passeranno dagli attuali 13 a 11. Una scelta basata su un criterio preciso: “Abbiamo tenuto conto delle affinità e delle interrelazioni e con una spinta di innovazione e valorizzazione delle nuove sfide che ci aspettano tra le quali l’accesso ai fondi comunitari e non, la digitalizzazione”. Si tratta, come spiegano dal Comune, di una prima fase di efficientamento nonché una più equilibrata ed omogenea distribuzione delle competenze. Con scadenza al 31 dicembre 2021 – fa sapere la Giunta comunale sono state conferite tutta una serie di posizioni organizzative. Per il Settore informatizzazione e comunicazione: Paola Sorci; per il Settore cultura, turismo, sport e tempo libero fondi dell’Unione europea: Lorella Capezzali; per il Settore tributi ed altre entrate: Sergio Cavallucci; per il Settore polizia municipale: Carla Menghella; per il Settore farmacie comunali: Roberta Gabrielli; per il Settore economico finanziario: Luigi Mencarelli; per il Settore edilizia, urbanistica, suape: Debora Berti; per il Settore lavori pubblici: Clara Sforna; per il Settore personale, organizzazione controllo di gestione: Daniela Raichini; per il Settore affari generali, demografico, statistico: Maria Rita Cristofani. Infine, per il Settore servizi alla persona e politiche scolastiche è stata nominata Giuseppa Anatra. (FP)

1 Commento

  1. I cambiamenti e le strategie dovrebbero portare miglioramenti che tutti auspicano, purtroppo da venti anni, per coloro che vivono nelle vituperate zone CO, non ci sono stati segnali di nessun genere. Per noi di VIA NORCIA, la situazione è divenuta insostenibile. In questo periodo di siccità, con la strada in ghiaia, siamo costretti a stare con le finestre chiuse data la polvere che si solleva con il passaggio di auto e camion (ci sono anche dei lavori in corso). Ma questo è un solo aspetto, oltre a quelli che segnaliamo da molti anni, buche presenti e richiuse dai residenti, luce pubblica assente, acqua piovana senza punti di raccolta e quella manutenzione ordinaria, presente in tutto il territorio, ma qui no. Mi fermo perché tanto conosco anche il prosieguo, niente di niente, ma la domanda che mi pongo è questa: dopo tutti i proclami, ma un pò’ di vergogna non la provate?

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*