Ora et labora una forma di vita evangelica al servizio dell’uomo

INSIEME, OGNUNO FACCIA LA SUA PARTE:#FACCIAMOCOMUNITÀ

 
Chiama o scrivi in redazione


Ora et labora una forma di vita evangelica al servizio dell'uomo
Ora et labora una forma di vita evangelica al servizio dell'uomo

Ora et labora una forma di vita evangelica al servizio dell’uomo

di Miriam D’Agostino ( Sr Myriam)

Ora et labora è la sintesi di una Regola, di una forma di vita evangelica che da secoli si è posta a servizio dell’uomo, per il bene dell’uomo.

In ogni epoca storica la vita monastica benedettina ha cercato di dare il suo sostegno, di fare la sua parte, di porre domande, riflessione, cultura, e al tempo stesso di dedicarsi alla vita agricola, a bonificare terreni, ad essere rete, ancor prima che il concetto di “rete” assumesse il significato che oggi noi tutti gli attribuiamo.

In questa grande tradizione si inscrive la nostra scelta di far parte di una rete di solidarietà, di umanità, di servizio al bene comune e di ciascuno, che la storia oggi ci chiama ad essere e per cui siamo chiamati ciascuno a fare la sua parte.

Dall’inizio dell’emergenza sanitaria, ci siamo sentite interpellate e da subito abbiamo creato una rete di contatto con le persone che da tempo seguono la nostra Comunità e la spiritualità benedettina.

La preghiera è diventato il primo canale di comunione, cosi attraverso la nostra pagina Facebook (https://www.facebook.com/monasterosantanna/) diamo la possibilità a tanti vicini e lontani di poter vivere una preghiera condivisa, pure restando ciascuno nella propria abitazione.

E nel tempo questa rete sta diventando sempre più grande e sempre più persone si “collegano” a questo momento, e tutti i giorni alle 17.30 partecipano al nostro invito #facciamocomunità.

Abbiamo anche attivato un servizio di ascolto attivo e qualificato, per chi sta avendo difficoltà a vivere questo tempo di solitudine, per chi fa fatica con la non possibilità di andare a lavoro, per tutti coloro che vivono con disagio e paura e fanno fatica a strutturare il tempo della propria giornata, c’è chi preferisce scriverci tramite mail (benedettinesantanna@libero.it), o chi telefona al monastero (0758001151) o chi utilizza la nostra pagina Facebook.

Altro servizio che da sempre facciamo e che non abbiamo sospeso in questo momento di emergenza, è quello dell’aiuto ai poveri, con un pasto caldo per chi vive in condizioni di fortissimo disagio economico e sociale , e di distribuzione di generi di prima necessità per chi in questo tempo sta maggiormente vivendo un momento di difficoltà.

Il monastero ha sempre avuto, nella sua storia un ruolo centrale nei momenti di difficoltà, basta rileggere la storia per ricordare ciò che durante l’ultima guerra mondiale è stato fatto.

E allora oltre la preghiera, alla carità e l’ascolto attivo abbiamo deciso di collaborare anche con il nostro “labora”, per richiamare il nostro motto, a questa rete di solidarietà sociale, e da lunedì abbiamo iniziato la produzione di mascherine.

Le nostre mascherine sono interamente fatte a mano, una per una, con stoffa di cotone bianco e doppio strato di filtro interno in TNT, non sono mascherine mediche ad uso sanitario, ma esclusivamente ad uso civile.

In collaborazione con l’amministrazione comunale, e ci teniamo a ricordare che il sindaco Paola Lungarotti si è incaricata personalmente affinché ciò potesse realizzarsi, e la Protezione Civile, abbiamo poi attivato un progetto di distribuzione , individuando da subito le persone che ne necessitavano maggiormente.

In due giorni abbiamo prodotto e distribuito 350 mascherine, calcolando così una produzione settimanale di circa 1200 mascherine, con l’aiuto di chi vuole contribuire all’acquisto delle materie prime necessarie (elastici, stoffe, filtri).

Ringraziamo in anticipo tutti coloro che stanno rendendo possibile insieme a noi tutto questo! Ribadiamo l’invito e l’importanza di restare a casa in queste settimane decisive, e che anche da casa, #facciamocomunità!

Ora et labora una forma di vita evangelica al servizio dell’uomo

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*