Ex Chiesa di Sant’Angelo approvato progetto esecutivo secondo stralcio

Ora, dovranno essere realizzati gli impianti funzionali e gli arredi per poter riaprire al pubblico la più antica chiesa di Bastia Umbra


Scrivi in redazione

Nuovi marciapiedi tra Bastiola e XXV Aprile e recupero estetico dei vicoli

Ex Chiesa di Sant’Angelo  approvato progetto esecutivo secondo stralcio  BASTIA UMBRA – La Giunta comunale, il 6 dicembre 2016, ha approvato il progetto esecutivo relativo al secondo stralcio funzionale dei lavori di ristrutturazione e recupero dell’ex chiesa di Sant’Angelo. La decisione dell’esecutivo comunale è arrivata dopo che la Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio ha espresso parere favorevole al  progetto esecutivo, in data 30 novembre 2016.

E’ il via libera al completamento dei lavori per il recupero della ex chiesa, oggi di proprietà comunale. I lavori del primo stralcio funzionale sono stati portati a termine nel mese di dicembre 2013, a cura della ditta Sensi Leonello di Assisi. Nella prima fase l’immobile, che era stato gravemente danneggiato dal terremoto del 1997, è stato messo in sicurezza con il consolidamento della struttura.  Ora, dovranno essere realizzati gli impianti funzionali e gli arredi per poter riaprire al pubblico la più antica chiesa di Bastia Umbra, da molti anni sconsacrata e destinata a diventare uno spazio utile ad attività e manifestazioni culturali.

“Siamo soddisfatti di poter dare il via ai lavori nei prossimi mesi dopo che saranno esperite le procedure per l’appalto dei lavori – rileva il Sindaco Stefano Ansideri -.

E’ un impegno che ho assunto all’inizio del mio mandato amministrativo, nel 2009. Ora, che le spese previste per l’intervento sono totalmente finanziate e sono stati espressi tutti i pareri previsti dalla normativa vigente, possiamo cominciare a pensare al miglior modo di utilizzare la struttura, che ha sede nel cuore dell’antico borgo. Ringrazio per l’impegno e la determinazione l’assessore ai Lavori pubblici Catia Degli Esposti e i suoi collaboratori ”.

La somma di 340mila euro, prevista nel bilancio di previsione triennale (2016-2018) trova copertura per 313miula euro con avanzo di amministrazione vincolato da mutui, e 26.450 euro frutto delle donazioni privati frutto dell’Art Bonus.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*