Costi nettezza urbana, Fabrizia Renzini dice, raddoppiati, anzi no, triplicati

diminuire la frequenza del ritiro del mastello grigio per il rifiuto secco

Fabrizia Renzini vuol vederci chiaro sul Social housing, 120 appartamenti, ma a chi vanno
Fabrizia renzini

Costi nettezza urbana, Fabrizia Renzini dice, raddoppiati, anzi no, triplicati da Fabrizia Renzini BASTIA UMBRA – Garantire un risparmio di spesa ai cittadini o incrementare i servizi informativi per differenziare “bene”. È questo il fine della mozione presentata dal Consigliere comunale del Gruppo Misto, avv. Fabrizia Renzini,   che si discuterà al prossimo consiglio comunale del 30 novembre. Il sistema della raccolta porta a porta con il metodo mastelli ha di gran lunga alleggerito il portafoglio degli utenti – sia famiglie che imprese – i quali, da qualche anno a questa parte,  si sono visti raddoppiare, se non triplicare, i costi della nettezza urbana.

A questo incremento di spesa non corrisponde però né una città più ordinata e pulita né tantomeno una corretta ed uniforme .differenziazione. Su quest’ultimo punto sono ancora assai diffusi gli “errori” dei cittadini nella differenziazione che, all’atto pratico, vanificano l’intento di una maggiore e necessaria tutela dell’ambiente e del territorio.

Ma questo aspetto sembra non interessare l’Amministrazione comunale tanto che i controlli sugli “errori” sono pressoché assenti e sotto gli occhi di coloro che invece si adoperano quotidianamente a “ben differenziare”.

La proposta del consigliere Renzini è quella di diminuire la frequenza del ritiro del mastello grigio per il rifiuto secco fisso il quale – si legge nella mozione – dovrebbe essere pressoché ridotto a zero se i cittadini differenziassero in maniera corretta tutti i materiali.

Passare la frequenza di raccolta del mastello grigio  da una volta a settimana ad una volta ogni due settimane comporterebbe un risparmio di spesa del Comune verso l’Ente gestore del servizio che, tradotto in termini pratici, si potrebbe trasformare in una riduzione dei costi per gli utenti o in un maggiore servizio informativo e di controllo del territorio volto a correggere le cattive e dannose abitudini alla non corretta  differenziazione.

È cioè ora necessario “ben differenziare” e non semplicemente “differenziare” !

 

              Fabrizia Renzini

Consigliere comunale Gruppo Misto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*