Bastia Classica, per l’ultimo appuntamento di Pianofest arriva David Mancini

Appuntamento sabato 9 aprile ore 17.00 presso l’Auditorium Sant’Angelo

Bastia Classica, per l'ultimo appuntamento di Pianofest arriva David Mancini

Bastia Classica, per l’ultimo appuntamento di Pianofest arriva David Mancini

Appuntamento sabato 9 aprile ore 17.00 presso l’Auditorium Sant’Angelo

Dopo i due appuntamenti di marzo, Bastia Classica, Festival di musica classica promosso dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Bastia, con la direzione artistica di Cristina Capano, si avvia alla conclusione per un’edizione, la prima, che ha riscosso un grande successo di pubblico.


Da ufficio stampa Comune di Bastia


L’ultimo appuntamento di PianoFest, edizione interamente dedicata al pianoforte, è affidato ad un altro giovane eccellente, David Mancini, di soli 23 anni.

David si sta perfezionando con Mariangela Vacatello presso il Conservatorio Morlacchi di Perugia e sta frequentando contemporaneamente il Master biennale di terzo livello presso l’Accademia di Musica di Pinerolo sotto la guida dei Maestri Enrico Pace, Andrea Lucchesini, Pavel Gililov e Roberto Plano. Nonostante la giovane età, si è già esibito per importanti enti e associazioni quali: “Accademia di S. Cecilia” di Roma; RAI – Radiotelevisione italiana; “Filarmonica Umbra” di Terni; “Reate Festival” di Rieti; associazione “Muzio Clementi” di Viterbo; XVII Festival Internazionale “Santa Fiora in Musica” e vinto numerosi concorsi pianistici nazionali ed internazionali.

Il programma del concerto di Mancini

Il programma che presenta a Bastia Umbra è un vero e proprio itinerario attraverso la fantasia compositiva degli autori proposti. In apertura la Sonata “Quasi una Fantasia” in mi b maggiore, op. 27 n. 1 di L. Van Beethoven, un’opera meravigliosa nella quale Beethoven sperimenta nuove forme attraverso la commistione di generi, tra la Sonata e Fantasia. Il programma continua con due brani del compositore per pianoforte più amato di tutti, Fryderyk Chopin del quale Mancini eseguirà la celebre Barcarola in fa maggiore op. 60 e Studio in do minore op. 25 n. 7. Gran finale con i tre brani di Gaspard de la nuit del compositore Maurice Ravel basati su una tecnica pianistica di eccezionale raffinatezza e abilità unite ad un virtuosismo trascendente.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*