Il borgo di Costano e la 42° edizione della Sagra della porchetta

Bastia Oggi

La Sagra della Porchetta di Costano

 25 agosto 2015

Costano è un antico borgo umbro situato nel comune di Bastia, noto per aver accolto il corpo del protomartire Rufino e ‒ si perdonerà l’accostamento azzardato ‒ per la produzione della porchetta, alimento conosciuto e apprezzato in tutta Italia. Da secoli a Costano (è noto che vi veniva cucinata già nel tardo Cinquecento), di generazione in generazione, si tramanda l’arte del porchettaio, e che nel 1968 i costanesi diedero vita alla prima edizione della “Sagra della porchetta”.

La manifestazione è organizzata dal Gruppo Giovanile di Costano (la presidentessa, dal 2014, è Michela Migliosi), quest’anno giunge alla sua 42 edizione e si svolge durante gli ultimi 11 giorni del mese di agosto. La sagra attira ogni anno migliaia di buongustai, e coinvolge l’intera comunità costanese: i volontari coinvolti sono circa 300. Inaugurata il 20 agosto, il suo programma prevede animazioni musicali, degustazioni ed esposizioni a tema (il museo del Porchettaio, ben due mostre fotografiche riguardanti la storia e l’identità di Costano). Il cuore della sagra si svolge in una ex casa colonica ristrutturata, ma si espande per una superficie di ben 8.000 metri quadrati. La novità di quest’anno è il ruolo della piazza: nata nel centro del borgo, la sagra era stata spostata per acconsentire la gestione del notevole afflusso di visitatori, ma proprio in questa edizione 2015 il Gruppo Giovanile di Costano è riuscito nell’intento di riportare numerose iniziative in piazza. Le cucine, allestite dagli abitanti del borgo, servono i migliori piatti della tradizione locale; una stima ricavata dalle edizioni precedenti consente di calcolare che si tratta di circa 30.000 persone. Padre Gualtiero Bellucci, parroco di Costano dal 1980, è uno dei principali fautori della sagra. Proprio grazie al denaro raccolto durante le prime edizioni della sagra il santuario del Santissimo Crocifisso ha potuto dotarsi di un pregiatissimo organo a canne, inaugurato nientemeno che dall’organista della Basilica della Porziuncola. L’esempio, spiega padre Bellucci, spiega come «dietro a questa festa non c’è solo il desiderio di vivere dei giorni particolari, di allegria, ma anche un risvolto sociale, di solidarietà».

Roberta Bistocchi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*