Bastia, approvato a maggioranza il rendiconto di gestione 2014

 
Chiama o scrivi in redazione


Variazione di bilancio, Consiglio comunale Bastia Umbra approva

Il Consiglio comunale del 21 maggio 2015 ha approvato a maggioranza il rendiconto di gestione 2014.
Il rendiconto, illustrato nel corso della seduta consiliare dall’Assessore Roberto Roscini, si chiude con un avanzo di amministrazione che sarà interamente utilizzato alla ricostituzione di fondi vincolati e del fondo svalutazione crediti di dubbia esigibilità e con il rispetto degli obiettivi fissati dal patto di stabilità.
Il bilancio 2014 ha risentito delle limitazioni imposte dalla legge statale che ha aumentato i vincoli di bilancio per i comuni, a causa della grave crisi economica.

Per il Comune di Bastia Umbra la riduzione delle risorse statali nel 2014 rispetto al 2013 è stata di oltre un milione di euro e nel quadriennio 2011 – 2014 di oltre 7 milioni di euro.

Per lo Stato invece il quadriennio 2011 – 2014, tra tagli dei trasferimenti al Comune e maggiori imposte locali sui cittadini bastioli, si chiude con un saldo attivo di oltre 15 milioni di euro.

Nonostante le difficoltà anche nel 2014 l’Amministrazione è riuscita a mantenere inalterato il livello dei servizi comunali e a finanziare investimenti per 1,7 milioni di euro, destinati principalmente alla manutenzione straordinaria degli immobili comunali, tra questi si segnala il miglioramento sismico della scuola di Ospedalicchio e la rotonda all’incrocio tra via Roma e via Gramsci.

Anche nel 2014 è continuata la politica di contenimento dell’indebitamento. Al 31 dicembre 2014 i mutui ammontano ad euro 13.309 mila. Al 31 dicembre 2008 erano 18.381 mila euro. In 6 anni la riduzione è pari 5.072 mila euro ( -27%).

AGEVOLAZIONI PER LE NUOVE ATTIVITA’ NEL CENTRO STORICO

Nella stessa serata il Consiglio comunale ha deliberato l’esenzione triennale dalla TARI per le nuove attività che verranno aperte nel centro storico di Bastia Umbra.
L’agevolazione riguarda le nuove attività commerciali, artigianali e professionali aperte nel periodo dal 1 gennaio 2015 al 31 dicembre 2017.
L’agevolazione rientra nel quadro più ampio dei provvedimenti volti a favorire la rivitalizzazione del centro storico.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*