Bastia Umbra, Esperia, si narrano “Storie di Futbol” con Allegri e Ciammarughi

 
Chiama o scrivi in redazione


“Chi non conosce il bosco cileno, non conosce il nostro pianeta”, scriveva il grande poeta Pablo Neruda. Lo stesso si dovrebbe sillabare per il futbol, almeno in Sudamerica, dove ha inizio il racconto di calcio e dei calciatori di “Storie di Futbol”, in programma domenica 15 marzo, alle ore 21.15, al Teatro Esperia di Bastia Umbra. Da un’idea di Ramberto Ciammarughi e Pino Menzolini, lo spettacolo vede esibirsi sul palco Eugenio Allegri, Pino Menzolini e Stefano Venarucci accompagnati al pianoforte da Ramberto Ciammarughi e alle percussioni da Leonardo Ramadori. Nel percorso si incontrano l’ala destra Garrincha, matto e mulatto, e poi ancora un gruppo di “vecchie glorie”, sedute al tavolo di un ristorante, che si provocano, si pungolano, si divertono, scherzano, bevono, piangono. “Il calcio senza pugno non è lotta, non è gara; non è lo scontro nobile che onora chi lo gioca. Pertanto, se nobiltà si va cercando, il calcio passa da Firenze e si dice fiorentino, ma potrebbe anche chiamarsi Florentinìo, perché anche lì, trapassando spazio e tempo, si impiantano storie di meticci, che poi germogliano in montagna, dagli Appennini alle Ande; ystoire “de amicis”, porqué il calcio è macho. La Rubia Ferreira però è donna, e che donna: fresca, fatale, ondulata e profumata come un rigore, infinito quanto il mondo, parato, con la grazia dell’airone, da un felino; El Gato Diaz, indio araucano, vecchio, impolverato e innamorato”. L’acquisto dei biglietti dello spettacolo è possibile presso il Teatro Esperia (dal martedì al sabato dalle 16 alle 19), presso Piccadilly box office a Collestrada (c/o centro commerciale), sul sito www.teatroesperia.it e nel circuito Ticket Italia. Contatti botteghino: tel. 075.7980672 – botteghino@teatroesperia.it[frontpage_news widget=”6936″ name=”Articoli recenti arte e cultura”]

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*