Un bastiolo amareggiato denuncia altro degrado a Bastia Umbra

BASTIA UMBRA – La denuncia sociale non arriva dalla nostra redazione, ma direttamente da uno dei tanti lettori di Bastiaoggi.it. Chi scrive si fi firma “Un bastiolo amareggiato” e ne ha di ragioni per esserlo. Le foto che ci ha inviato parlano da sole, anche costruzioni “simbolo” di Bastia – come il Conservone – sono diventate “prede” facili per chi, anche con un po’ di supponenza, crede di essere un “writers” di arte Hip Hop e invece è solo un incivile che danneggia il bene pubblico.

“Ciao Anna”, e altre “amenità artistiche” sullo sfondo grigio del nostro Conservone.

L’altro casottino giallo, che potete vedere nelle foto inviateci, è il bagno pubblico situato davanti alla scuola di via Marconi. Anche qui scritte e orrendi ghirigori. Dulcis in fundo, si fa per dire, il bagno visto da un’altra angolazione.

Inutile chiedersi come si fa ad essere così incivili e cretini da danneggiare il bene pubblico (e a volte pure quello provato). Sono periodi difficili, di soldi non ce ne sono, ma per rimediare ai danni della scelleratezza i fondi bisognerà trovarli.

Ci arrivano segnalazioni continue e se altri testimonieranno come ha fatto quello lettore, noi ne daremo conto.

“Un bastiolo amareggiato” conclude così la sua breve, ma incisiva missiva elettronica: “Guardate come sono conciati (da anni!). Evidentemente il decoro pubblico non interessa a nessuno. C’è da vergognarsi”. E noi, armati di telecamera, andremo a vedere e e verifica come stanno le cose e nel caso, sostenere la denuncia sociale.

[divider]

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*