Stop al consumo di suolo, lo chiede il M5s di Bastia Umbra

 
Chiama o scrivi in redazione


Stop al consumo di suolo, lo chiede il M5s di Bastia Umbra

Stop al consumo di suolo, lo chiede il M5s di Bastia Umbra

Nel consiglio comunale di ieri 26 novembre sono stati discussi la variazione al bilancio di previsione e l’istanza di potenziamento di una azienda situata nella zona industriale di Ospedalicchio.
Il voto del M5S è stato contrario ad entrambi i punti, in particolare relativamente al potenziamento dell’attività produttiva, evidenziamo la trasformazione di circa 12 mila metri quadri di terreno agricolo in terreno edificabile, terreno peraltro già in proprietà dell’azienda, con monetizzazione degli standard urbanistici previsti per tali interventi che pertanto non verranno realizzati dal privato.
La sottrazione di suolo agricolo al di fuori del Piano Regolatore, in danno del diritto di tutta la cittadinanza a poter vivere in un ambiente non eccessivamente urbanizzato, va contro ad uno dei principi fondanti dal m5s riguardante il risparmio del  consumo del suolo. Bastia è la prima nella classifica regionale dello spreco di suolo in rapporto all’estensione  territorio comunale.
In assenza di un nuovo piano regolatore, annunciato da decenni, si continuano ad approvare varianti al PRG originario a colpi di maggioranza. Siamo dell’avviso che il presente crea un ennesimo precedente che  vincola le future amministrazioni a decisioni conformi a quella che è stata deliberata nell’assemblea di ieri sera, con il risultato di svilire e mortificare la ragione di esistere delle norme impositive erga omnes del P.R.G.
Sono state poi illustrate le interrogazioni che abbiamo presentato sui temi plastic free e controllo del vicinato.
Abbiamo apprezzato l’impegno preso dal sindaco ad incentivare la riduzione degli imballaggi inutili e la diffusione dei materiali ecologici già a partire dalle manifestazioni per il prossimo Natale. La strada per eliminare la plastica inutile è ancora lunga e serve una grande azione di informazione e sensibilizzazione che coinvolga tutti.
La nostra interrogazione sul controllo del vicinato ha invece suscitato nell’amministrazione una favorevole accelerazione su tale tematica, visto che giovedì scorso il sindaco ha siglato il relativo protocollo d’intesa in prefettura. Tuttavia abbiamo voluto chiedere con forza all’amministrazione quali siano i passi successivi per la messa in atto di tale protocollo, affinché tale provvedimento non rimanga solo un bell’annuncio sui giornali.
Il sindaco ha preso l’impegno di fare una valutazione attenta dell’argomento. Come M5S, che già nel 2015 introdusse il tema con un’iniziativa divulgativa al centro San Michele, abbiamo sottolineato che la  collaborazione e la fiducia tra vicini sono fondamentali, perché s’instauri un clima di sicurezza tra i cittadini, con particolare beneficio alle fasce più deboli come gli anziani ed i bambini.
Bisogna che si avvii un ciclo virtuoso che  vede il suo inizio ad esempio con assemblee pubbliche, il cui scopo sarà quello di far conoscere questa forma di sicurezza partecipata, oltre a consentire un coinvolgimento attivo di tutti i cittadini. Il M5S Bastia si adopererà fattivamente affinché tali iniziative siano effettivamente poste in essere e realizzate.
dal MoVimento 5 Stelle Bastia Umbra

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*