Grande successo per l’edizione 2020 di A Porte Aperte


Scrivi in redazione

Grande successo per l’edizione 2020 di A Porte Aperte

Si è conclusa ieri A Porte Aperte, la convention di Cancelloni Food Service dedicata ai professionisti della ristorazione e dell’ospitalità. Tre giorni densi di eventi quelli al centro fieristico umbro che, seguendo il filo conduttore della sostenibilità e della riduzione dello spreco alimentare – concetto culminato nella tavola rotonda del 18 febbraio sul valore del cibo dal punto di vista etico, culturale ed economico – hanno visto alternarsi numerosi chef – Paolo Rota, Antonio Ciotola, Franco Pepe, Rossano Boscolo, Igles Corelli, Niko Romito, Pietro Leemann e Federico Gallo – sul palco dell’area show cooking, assieme a nomi importanti come Oliviero Toscani e Dominga Cotarella.

Al contempo, grazie agli oltre ottanta espositori posti lungo il Percorso del Gusto, i visitatori hanno potuto conoscere tutti i nuovi prodotti e le eccellenze delle aziende che operano non soltanto nel settore food, ma anche in quello delle attrezzature e dei servizi, nonché prendere parte alle numerose masterclass organizzate dai centri di formazione e associazioni umbre quali l’Università degli Studi di Perugia, l’Università dei Sapori, l’Associazione Italiana Sommelier e l’Unione Regionale Cuochi Umbri, l’Associazione Italiana Celiachia Umbria e l’Arpal.

I tre giorni di eventi sono terminati ieri con la premiazione del vincitore del primo contest A Porte Aperte, l’executive chef di Borgo Brufa Resort & Spa Andrea Impero che ha primeggiato sugli altri otto finalisti con Pasta&Cipolla, un primo piatto a base di spaghettini, cipolle dorate di Cannara e Parmigiano Reggiano invecchiato 96 mesi.

La giuria, composta dallo chef Maurizio Serva del ristorante La Trota di Rivodutri, Paolo Belardi, presidente del corso di laurea in Design dell’Università di Perugia e dal Presidente di AIS Umbria Sandro Camilli, ha infatti scelto il piatto di Andrea Impero per creatività, estetica, abilità tecnica e abbinamento enologico.

Sono stati premiati anche i vincitori del primo contest organizzato dall’URCU, l’Unione Regionale Cuochi Umbriche ha visto diverse categorie – JuniorSenior e Lady Chef – sviluppare il tema Esperienze di bosco. La categoria Junior è stata vinta dall’umbro Federico Francolini, quella femminile dalla toscana Rossella Giulianelli e quella Senior dal romagnolo Simone Magnanini. Anche in questo caso, la giuria ha premiato non solo gusto e aspetto estetico, ma anche mise en place e pulizia, servizio e preparazione professionale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*