Furto con scasso concessionaria a Ospedalicchio, auto rubata nella notte

Furto con scasso concessionaria a Ospedalicchio, auto rubata nella notte

Furto nel cuore della notte a Bastia Umbra e a pagarne le conseguenze, oltre che i danni, è la concessionaria Automobili d’Eccezione di Ospedalicchio. Sono ingenti, ma non ancora quantificati, una denuncia fatta ai carabinieri e indagini avviate nel giro di poche ore.

Il tutto è accaduto nel cuore della notte, tra le 3 e le 4 di ieri. Due uomini incappucciati, si presume appartenenti a una banda di professionisti, hanno rubato un’auto dalla concessionaria. La tecnica utilizzata è stata quella di passare dal retro, attraverso il giardino del vicino di casa, confinante con l’azienda.

I due – si apprende – hanno oltrepassato il muretto e la recinzione che separa il vicino con l’attività e sono entrati dentro passando dalla finestra del bagno. Una volta all’interno hanno aperto la cassaforte, che conteneva le chiavi delle auto, e ne hanno presa una, quella dell’Audi S4. Una 300 cavalli, con 4 ruote motrici e usata. Non si sa se sono andati a tentoni o sapevano già quello che volevano prendere. Salgono su questo bolide, che tra l’altro aveva pochissima benzina, e si sono avviati verso l’uscita, ma a marcia indietro hanno urtato il palo dell’energia elettrica danneggiando il faro posteriore.

Un particolare – emerge dai primi rilievi – è che queste persone strisciavano in terra, forse per non farsi vedere dalle telecamere, lasciando delle impronte sulla ghiaia del piazzale. I malviventi hanno avuto non poche difficoltà ad uscire. Il loro intento, verosimile, era quello di uscire dall’area antistante la casa del vicino. Per fare questo avevano preso dei picconi per abbattere il muretto che separa i due piazzaletti. Lì il primo intoppo, la proprietaria della casa accanto aveva praticamente murato le fioriere e il piccolo parapetto non ne ha voluto sapere di crollare.

L’altro problema era quello rappresentato dal robusto cancello della concessionaria, sosenuto e difeso da cardini ben incapsulati e protetti da diversi lucchetti. Rimuoverlo non dev’essere stato affatto facile, pare abbiano impiegato diverse ore.

Senza contare poi i rischio di essere inquadrati dalle tante telecamere esterne. Per altro anche quelle interne li avevano già immortalati. Alla fine, dopo diversi tentativi lo hanno aperto e sono fuggiti via.

I carabinieri di Bastia Umbra e della compagnia comando di Assisi, al seguito del capitano Vittorio Jervolino, hanno avviato le indagini. I militari, da quanto si sa, hanno visualizzato le prime immagini registrate dall’impianto di videosorveglianza, sia quelle dell’azienda sia quelle del Comune di Bastia Umbra e sarebbero sulle loro tracce.

Queste auto in passato sono state utilizzate per effettuare rapine ai portavalori in Puglia. Una fatto più vicino a noi è quello del tentato furto al bancomat dell’Unicredit a Petrignano di Assisi. I malviventi dopo aver colpito con un carroattrezzi rubato la filiale della banca, in questo caso per fuggire hanno utilizzato questo tipo di modello d’auto.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*