Bastia, opere pubbliche, il comune investe nonostante i tagli

 
Chiama o scrivi in redazione


Bastia, opere pubbliche, il comune investe nonostante i tagli
Investimenti che non incidono sul funzionamento della macchina amministrativa

Il quadro dei dati economici del Comune non è incoraggiante, per i tagli progressivi, ma siamo riusciti a centrare due obiettivi primari: mantenere inalterati i servizi sociali in un periodo di difficoltà economiche diffuse e a garantire alcuni investimenti pubblici di primaria importanza.

Questo l’esordio con cui il Sindaco Stefano Ansideri ha aperto la conferenza stampa dell’Amministrazione comunale di Bastia Umbra per commentare i risultati dell’ultimo anno e presentare gli obiettivi immediati e di medio termine.

L’esposizione è stata preceduta da una breve relazione di Roberto Roscini, Assessore al bilancio dal 2009 già con la prima Giunta Ansideri, che ha fornito alcuni dati: i ragli per trasferimenti statali nel 2015 ammontano a minori entrate per 577mila euro, mentre le minori entrate di trasferimenti statali in sei anni, dal 2010 al 2015, ammontano a 10 milioni e 600 mila euro. Per quanto riguarda la pressione fiscale nel nostro Comune registra i livelli più bassi a livello regionale, mentre il nuovo contratto per l’appalto del metanodotto ha consentito di incassare 700mila euro all’anno.

Sulla base di questi dai il Sindaco Ansideri ha sottolineato che il 2015 si è chiuso con ottimi risultati per la politica degli investimenti: sono stati accesi due mutui, uno per oltre 5 milioni per finanziare il primo lotto del nuovo Istituto scolastico comprensivo in località XXV Aprile, e circa 2 milioni e mezzo di euro per la sistemazione del palazzo comunale.

“Oltre alle ristrettezze dovute alla crisi economica e ai tagli finanziati – ha detto il Sindaco – siamo stati costretti a fronteggiare imprevedibili emergenze. La prima riguardante lo stato di inagibilità del Palazzo comunale per il quale abbiamo acquisito il progetto di ristrutturazione, lo scorso agosto una tromba d’aria ha divelto la copertura della tensostruttura che ospitava la sede del rione Sant’Angelo Rocco, e più di recente l’incidente stradale sul ponte di Bastiola in cui un autocarro ha danneggiato il parapetto. In questo caso abbiamo dovuto spendere 30mila euro per rimettere in sicurezza il ponte e stiamo lavorando per realizzare prima possibile una nuova copertura alla tensotruttura”.

Ansideri ha poi illustrato i risultati ottenuti nel sociale dove non solo sono rimasti inalterati i servizi dal 2009, ma in questi anni i contributi a carico del Comune sono aumentati del 60%.

Il sindaco ha concluso la sua analisi ricordando che ottimi risultati sono arrivati anche nel settore dell’urbanistica. Obiettivo primario oggi è la riutilizzazione delle aree dimesse e la sistemazione dei vicoli, in linea con la filosofia del risparmio del territorio. Una tappa molto importante è la presentazione del documento programmatico del nuovo Piano Regolatore Generale, che sarà presentato nel corso di un incontro pubblico in programma all’Umbriafiere, venerdì 26 febbraio. L’incontro aprirà la nuova fase di partecipazione sul nuovo PRG.

Successivamente sono intervenuti gli assessori comunali. Catia degli esposti, responsabile dei Lavori pubblici e della Polizia locale, che ha dato conto degli interventi delle opere pubbliche, ricordando che nel 2015 è stata aperta la nuova rotatoria stradale di via Roma e presto partiranno i lavori per la costruzione del nuovo edificio scolastico di XXV Aprile, per il quale è già stato acceso il mutuo.

Claudia Lucia, assessore alla cultura, ha sottolineato alcuni importanti eventi celebrati nel 2015 tra il centenario della Prima Guerra Mondiale, oltre alla stagione estiva di attività culturali e l’importante programma degli appuntamenti nel periodo natalizio. Filiberto Franchi, assessore allo sport e servizi demografici, ha ricordato che la popolazione residente al 31 dicembre 2015 era di 21.852 abitanti, 63 in meno del 2014. Diminuiti anche i cittadini stranieri, soprattutto quelli provenienti dell’Est Europa, mentre è in lieve aumento il numero di immigrati dalla Cina.

Infine l’assessore Francesco Fratellini ha parlato del servizio rifiuti ricordando gli ottimi risultati raggiunti nella differenziata (68% nel 2015) e i costi della Tari tra i più bassi a livello regionale.

Bastia

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*