Bastia Umbra, Expo emergenze: monitorati oltre 8300 cantieri umbri

 
Chiama o scrivi in redazione


(bastiaoggi.it) BASTIA UMBRA – un anno dall’entrata in vigore di SINPOL, il sistema informatico per l’invio telematico della notifica preliminare prevista dal Testo Unico sulla sicurezza, questa mattina, giovedì 10 aprile, nell’ambito della Fiera Expo Emergenze in svolgimento a Bastia Umbra, sono stati presentati i primi dati sui cantieri umbri e sull’utilizzo del Sistema che, proponendosi come strumento di semplificazione per i cittadini umbri che aprono un cantiere, ha in realtà profondamente modificato la percezione della sicurezza del cantiere e del significato di quello che prima era considerato un mero adempimento burocratico.

In Umbria in questi anni si è fatto un notevole sforzo per intervenire più efficacemente per favorire la prevenzione nelle attività del settore edile, introducendo norme innovative e strumenti efficaci per il controllo dei cantieri edili che favoriscano le sinergie tra gli Enti preposti al controllo. Uno di questi strumenti è la piattaforma SINPOL – Sistema di Notifica Preliminare On line che permette l’invio on line del documento di Notifica preliminare obbligatoria per il testo Unico della sicurezza da parte dei cittadini che aprono un cantiere. La trasmissione dei documenti è gratuita e assolutamente semplificata, grazie al nuovo sistema web predisposto dalla Regione dell’Umbria nella logica della semplificazione amministrativa e della diffusione di strumenti telematici nei rapporti fra i cittadini, le imprese e le pubbliche amministrazioni. La notifica preliminare di apertura di un cantiere, prevista dall’art. 99 del Testo per la sicurezza, è una comunicazione che il committente o il responsabile dei lavori deve trasmettere in alcune specifiche situazioni, quali cantieri in cui è prevista la presenza di più imprese, anche non contemporaneamente, nel caso di cantieri che, inizialmente non soggetti all’obbligo di notifica, ricadono nelle categorie con obbligo per effetto di varianti sopravvenute in corso d’opera, oppure per cantieri in cui opera una sola impresa, la cui entità presunta di lavoro non sia inferiore a 200 uomini-giorno.

La notifica riporta l’indirizzo di cantiere, i nominativi delle imprese che eseguono l’opera edile, il numero dei lavoratori impegnati, la durata dei lavori, e così via. Il cittadino, tramite l’inserimento on-line dei dati richiesti dalla legge in materia di sicurezza e salute nei cantieri rende immediatamente fruibili le informazioni relative al cantiere e a chi vi opera agli organi di vigilanza territorialmente competenti, che possono programmare efficientemente i controlli nel comparto delle costruzioni.

La notifica on line, inoltre, costituisce un grande un vantaggio per le Amministrazioni competenti, perché le informazioni trasmesse via web risultano immediatamente, facilmente e rapidamente consultabili. La completa dematerializzazione del documento riduce così i costi, sia diretti che indiretti, sostenuti dal committente di un’opera edile e azzera quelli derivati dall’invio delle raccomandate all’Azienda sanitaria locale, alla Direzione territoriale del lavoro, al Comitato paritetico territoriale e alla Cassa edile territorialmente competenti.

La dematerializzazione dei procedimenti amministrativi, la cooperazione applicativa, l’interscambio di dati e la realizzazione delle “grandi anagrafi” determinano una significativa riduzione della spesa pubblica ed è in questa ottica che l’Umbria ha reso operativo il sistema ‘Sinpol’, che permette di velocizzare i tempi di trasmissione, avere in tempo reale la certezza della compilazione corretta dei documenti, monitorare i dati relativi all’attività edilizia e, infine, migliorare le sinergie con gli Enti addetti alla vigilanza sia in tema di salute e sicurezza che di regolarità contributiva.

Questo sistema online, attraverso l’eliminazione di tutta la documentazione cartacea, permette anche di raggiungere importanti obiettivi per la salvaguardia ambientale. Basti pensare che ha permesso di risparmiare 3247 kwh di energia, 64.959 litri di acqua e 1.620.602 kg di carta con 2.273.572 kg di co2 non emessa. La piattaforma è entrata in funzione il 20 dicembre 2012 e l’invio della notifica è diventato obbligatorio a partire dal 1 febbraio dello scorso anno. Ad un anno dall’entrata in funzione di SINPOL è stato anche presentato un video che evidenzia i benefici ambientali e in termini di semplificazione per un cittadino che apre un proprio cantiere.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*