Bastia Umbra, Porzi e Carosati, scuola e formazione professionale, due fattori importanti

 
Chiama o scrivi in redazione


BASTIA UMBRA – “Ben venga la formazione professionale. La formazione permanente oggi è pane quotidiano, non si finisce mai di imparare, c’è una continua necessità di aggiornarci e di formarci, di rimetterci in gioco e questo vale per il medico, come vale per l’operaio”. Lo dice l’Assessore alla Cultura della Provincia di Perugia, Donatella Porzi, durante l’appuntamento pubblico di oggi con Simona Carosati al Municipio di Bastia Umbra.

I ragazzi di oggi noi li dobbiamo guidare e non li possiamo abbandonare in nessuna delle loro esperienze. La nostra presenza se saprà essere una presenza discreta o costante, sicuramente qualche risultato ce lo darà, aggiunge Porzi. Sarebbe giusto per Bastia avere due istituti comprensivi che si relazionano alla pari sulle questioni che riguardano il mondo della scuola. Io mi auguro che questo processo possa rappresentare nel corso della prossima amministrazione e io mi auguro sia veramente una delle conquiste sulla quale puntare”. Ha concluso l’Assessore.

Le fa eco Simona Carosati, candidata sindaco di Bastia Umbra. “La scuola è una palestra ambita per noi, perché dentro la scuola crescono dei bambini, dei figli, vengono accompagnati per mano dalle insegnanti da piccoli e proseguono questo percorso importantissimo dove si formano e strutturano un carattere. Dalla scuola noi vogliamo ripartire. Spiega Carosati. Sembra strano in un momento di crisi economica voler parlare di scuola. Non è strano ma è fondamentale, perché dentro la scuola crescono i figli, crescono le idee e dalle idee lo sviluppo”.

“Per me – conclude Carosati – è importante la scuola e quello che esso rappresenta. Mi prendo l’impegno di essere sempre presente nella scuola quando e se sarò sindaco di questa città. Io entrerò dentro le scuole, è importante stare vicino alla scuola, agli operatori, ai bambini e ai genitori. Il sostegno si deve dare in prima persona tendendo la mano”.

 

 

4 Commenti

  1. Pochissima gente, e nessuno del mondo scolastico !! Il mondo scolastico non crede in questo candidato sindaco, in quanto sempre assente nel mondo scolastico, infatti ha dichiarato di voler costruire la scuola di XXV Aprile, ma alla presentazione del progetto non era neanche presente e se gli chiediamo com’è il progetto non sa rispondere !! Ma di cosa vogliamo parlare ???

  2. E’ tutto importante ma sono importanti anche i tempi. Avete lasciato 30 anni una scuola in un condominio, oggi di cosa ci volete parlare? delle favole?.

  3. Gentilissima Dott.ssa Carosati,
    ho ascoltato le sue dichiarazioni, apprezzo il suo impegno a realizzare subito la scuola di XXV Aprile nel caso venga eletta Sindaca, ma vorrei che Lei non dicesse le bugie… affermare che il progetto delle scuola di XXV Aprile è più o meno al punto di cinque anni fa è una bugia, perché non è così.
    Cinque anni fa esisteva solo un progetto preliminare peraltro non approvato dalla Giunta, non esisteva un piano attuabile per la realizzazione delle opere pubbliche in quanto era tutto bloccato da un ricorso al TAR. Bisogna anche sottolineare che la scuola è attesa da circa 30 anni e, mi sia consentito sottolineare che l’Amministrazione Ansideri è vero, ha avuto bisogno di 4 anni, ma oggi la scuola si farà anche se diventasse sindaco Paperino di Walt Disney in quanto rispetto a cinque anni fa la situazione è questa:
    1 -Il piano è approvato definitivamente e prima della elezioni aprirà il cantiere per la realizzazione delle strade,
    2 – Il progetto esecutivo è stato approvato dalla giunta,
    3 – Il bilancio 2014 prevede lo stanziamento dei circa 5 milioni di euro per i lavori,
    4 – nei prossimi giorni sarà pubblicato il bando per individuare l’impresa esecutrice,
    5 – subito dopo inizieranno i lavori di costruzione della scuola.
    La costruzione del primo stralcio scuola di XXV Aprile che dovrà ospitare la scuola elementare oggi situata al 3 piano de palazzo del Giramondo, non è un ipotesi ma una certezza e quindi non serve l’impegno di nessuno a garantire questo e la creazione di un istituto comprensivo che, vorrei ricordarLe è già avvenuta due anni fa, grazie all’impegno di Rosella Aristei quando ricopriva il ruolo di Vicesindaco e assessore alla Cultura.
    Se poi era sua intenzione far credere ai cittadini che l’Amministrazione Ansideri non ha fatto la scuola di XXV Aprile in cinque anni, lasci perdere e si guardi intorno… coloro che hanno deciso di investire in altre opere quando le finanze del Comune lo consentivano lasciando nel dimenticatoio la scuola di XXV Aprile e consentito la distruzione dell’Eden Rock, (piscina scoperta che Lei promette di ricostruire subito) stanno tra i suoi sostenitori, quelli che hanno maggiore esperienza amministrativa e che sapranno indicarle la strada giusta da seguire per amministrare Bastia nel caso Lei diventi Sindaca.
    Cordialmente
    Francesco Fratellini

  4. Sospendere l’ISCO destinata alla costruzione della scuola XXV Aprile è stata scelta chiara e legittima. E’ stata promessa mantenuta, ma la scuola non c’è.
    La generazione dei trentenni che il PD ha deciso di mandare ad amministrare non perderà tempo a rimescolare decisioni già prese riprogettare quello che la stessa amministrazione aveva già progettato con il risultato che tutto rimane sulla carta. Il cambio di passo si sta realizzando già con le riforme istituzionali, potrà succedere anche nella nostra città!

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*