📰 Rassegna stampa 📰 – Rapina, pistola alla mano si fa consegnare l’incasso

 
Chiama o scrivi in redazione


Rapina, pistola alla mano si fa consegnare l’incasso

Il malvivente, giunto alla cassa, ha spianato l’arma: il bottino è stato di millecinquecento euro

Bastia, festa con i tifosi per la promozioneBASTIA UMBRA Assalito per l’ennesima volta il Penny Market in via Gramsci a Bastia 2. E’ accaduto nel tardo pomeriggio di venerdì, intorno alle 19,45 poco prima della chiusura, quando nella zona imperversava un forte temporale. Un uomo ha fatto irruzione nel Discount e subito dopo è scattato l’allarme.
Il malvivente è entrato nel negozio con altri clienti e si è presentato in fila alla cassa. Al momento di pagare il conto ha estratto una pistola, forse anche un’arma giocattolo, e sotto l’evidente minaccia si è fatto consegnare l’incasso (denaro contante per circa 1.500 euro). Quindi ha immediatamente guadagnato l’uscita dileguandosi. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della stazione locale, comandata dal maresciallo maggiore Gennaro Colella. Sono scattate le indagini coordinate del Tenente Colonnello Marco Vetrulli responsabile della Comando compagnia di Assisi.
Il Penny Market come gli altri negozi dell’area sono a particolare rischio per la vicinanza della strada a quattro corsie 75 Centrale Umbra. Certamente in questo caso il malvivente ha scelto una diversa via di fuga, perché l’accesso alla superstrada è chiuso a causa di lavori sulla careggiata. I militari, oltre ad ascoltare i testimoni, hanno acquisito i filmati della telecamere interne al negozio e quelle esterne della videosorveglianza.
Quest’area nelle scorse settimane è stato oggetto di diversi assalti allo stesso discount, ad altri negozi e ad un bar, tutti danneggiati. Si tratta di uno stillicidio di avvrnimenti che non permettono di abbassare la guardia. I residenti, preoccupati, attendono risposte dagli investigatori; oltre ai carabinieri sono impegnati la Polizia di Stato e, per quanto di sua competenza, anche la Polizia locale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*