Guardate che schifo, è l’area parcheggi Giontella, CasaPound denuncia 

Guardate che schifo, è l'area parcheggi Giontella, CasaPound denuncia 

Che schifo, ma non è il “The Bronx” anni Settanta, è oggi e si trova a Bastia Umbra

da Casapound Italia Bastia, con una raccolta di foto effettuate dai militanti e a seguito delle segnalazioni pervenute sui social da parte di alcuni cittadini, denuncia la situazione di degrado in cui versa l’area Giontella, in particolare il verde intorno ai parcheggi del complesso commerciale, Il parcheggio del Palazzo della Salute e Via della Piscina Eden Rock. L’area, il cui recupero e’ frutto di iniziativa mista pubblico/privata, e’ quotidianamente frequentata da migliaia di persone provenienti anche dai comuni limitrofi.


Questo slideshow richiede JavaScript.

“Abbiamo monitorato la situazione per quasi un anno –  afferma Federica Rascelli, responsabile cittadina di Casapound – con l’intento di capire con quale frequenza vengono effettuati gli interventi di pulizia e manutenzione dell’area. Ad eccezione del cortile interno al centro commerciale abbiamo constatato la presenza di rifiuti( cartacce, bottiglie, buste di medicinali scaduti, vetri rotti, fioriere usate come campane del vetro e addirittura complementi d’arredo ), mai rimossi durante tutto l’arco di tempo in cui abbiamo osservato e di cui riportiamo testimonianze fotografiche. In particolare ci preme rimarcare che tutta la segnaletica verticale presente nei parcheggi andrebbe rimessa in sicurezza. Piu’  volte, soprattutto in presenza di forte vento, I pali sono caduti senza fortunatamente colpire persone o vetture, in quanto fissati in modo precario al terreno”.

Sappiamo bene – specifica Rascelli – che non tutte le criticità sono ascrivibili all’Amministrazione Comunale, in quanto in alcuni tratti la proprietà è privata o di pertinenza di altri Enti Pubblici, tuttavia ci preme ricordare che spetta al Comune verificare che gli altri soggetti interessati rispettino I propri obblighi di pulizia e manutenzione. Ultimo, ma non meno importante, segnaliamo lo stato di degrado  in cui versano I Giardini Giontella, con cordoli di cemento divelti, all’ingresso dell’omonimo Viale, uno dei rari esempi di giardini all’italiana rimasti ed unica impronta di progettazione lasciata dal famoso paesaggista Porcinai sull’intera area e realizzati dal Vivaio Bazzoffia negli anni ’50. Siamo fermamente convinti che l’edificio industriale, cosi come il singolo giardino debbano essere salvaguardati come memoria storica ed identitaria di una citta’ e di una popolazione“.

“Chiediamo pertanto all’Amministrazione cittadina – conclude la responsabile di CasaPound – di provvedere alquanto prima al ripristino del decoro di tutta l’area che, ci preme ricordare, fu proprio il vessillo della campagna elettorale per l’elezione del Sindaco Ansideri”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*