BASTIA, CONFCOMMERCIO, SOSTENERE COMMERCIO PER SOSTENERE ECONOMIA

 
Chiama o scrivi in redazione


Assemblea confcommercio
Assemblea confcommercio
Assemblea confcommercio

(bastiaoggi.it) BASTIA – Un incremento annuo dei fatturati superiore al milione di euro e 130mila presenze in più ogni anno. Questi, secondo le stime del consorzio Bastia City Mall, sono i risultati in termini di presenze e di benefici economici ottenuti grazie agli eventi inseriti nella programmazione annuale del consorzio, al lavoro per realizzare il progetto della “fidelity card” con cui fare della città un sempre più attrattivo “centro commerciale naturale”.

Questi dati sono stati illustrati nel corso dell’assemblea annuale della Confcommercio di Bastia Umbra che si è svolta giovedì scorso, 24 ottobre, al Relais Madonna di Campagna. L’assemblea, presieduta dal presidente dell’ascom locale Sauro Lupattelli, ha fatto il punto sulle politiche e le strategie per il rilancio e la valorizzazione del settore.

All’incontro hanno partecipato Giorgio Mencaroni e Vasco Gargaglia, rispettivamente presidente e direttore della Confcommercio provinciale, il sindaco di Bastia Umbra Stefano Ansideri, il vicesindaco Francesco Fratellini, l’assessore comunale al Commercio Fabrizia Renzini, il consigliere regionale Massimo Mantovani e il presidente di Umbriafiere Lazzaro Bogliari.

“Negli ultimi anni – ha sottolineato nel corso dell’assemblea il coordinatore del consorzio Bastia City Mall Marco Caccinelli, in accordo con il presidente Francesca Freddio – abbiamo ideato e consolidato sei eventi annuali che ampliano le fiere comunali affidateci dal Comune e grazie ai quali, nonostante la quasi totale assenza di contributi pubblici, abbiamo svolto un ruolo determinante nell’economia locale. Con oltre un milione di euro di fatturati e circa 130mila presenze in più nell’arco di un anno, siamo convinti di aver fatto la nostra parte.

Adesso ci aspettiamo che l’amministrazione onori la promessa fatta quattro anni fa dal sindaco Ansideri, quando fresco di nomina assicurò che avrebbe raddoppiato gli investimenti fatti dai commercianti in iniziative di marketing urbano. Il commercio – ha aggiunto Caccinelli – è stato e resta il settore trainante dell’economia locale: sostenere il commercio significa, perciò, sostenere l’intero sistema Bastia”. Grazie ai circa 260mila euro di finanziamenti ottenuti partecipando al bando regionale a sostegno del commercio “ReSta” 2009 (in aggiunta ai 150mila euro già ottenuti grazie al bando ReSta 2008), il consorzio attuerà nei prossimi mesi un innovativo progetto.

Si tratta della “fidelity card”, una sorta di borsellino elettronico inserito in un circuito di fidelizzazione che garantirà sconti e promozioni per i clienti. Progetto volto a distinguere Bastia Umbra nel panorama commerciale locale e consolidare il parco clienti locale con l’auspicio di attrarre visitatori anche dai bacini limitrofi. Nel corso dell’assemblea, inoltre, è stata illustrata la possibilità per il consorzio di accedere a un nuovo bando regionale Resta 3, ancora in fase di elaborazione, attraverso cui ottenere ulteriori finanziamenti a sostegno delle imprese locali.

Iniziative che tuttavia, come sottolineato dal presidente della Confcommercio Sauro Lupattelli, “non possono prescindere da un maggiore impegno da parte delle istituzioni per dare un nuovo slancio al settore commerciale bastiolo, ancora fortemente competitivo e in grado, con opportune e mirate strategie, di rivitalizzare l’economia locale”. “Compito dell’amministrazione, da cui ci aspettiamo più attenzione e collaborazione – ha precisato Lupattelli –, è promuovere politiche di sostegno al settore e di valorizzazione del territorio, mettendo in campo tutte quelle azioni per offrire ai nostri ospiti un ambiente bello, accogliente e soprattutto funzionale.

Da parte nostra – ha sottolineato Lupattelli – continuerà l’impegno per puntare da una parte sulla preparazione e formazione dei nostri commercianti e dall’altra per attrarre nuovi clienti anche da bacini esterni, di concerto con il consorzio Bastia City Mall. Solo lavorando in sinergia – ha concluso il presidente – consolideremo l’immagine di Bastia Umbra come centro commerciale naturale in grado di generare ricchezza per la città e per tutti i suoi cittadini”.

2 Commenti

  1. Grazie… per aver fatto di Bastia un NONLUOGO!! (cfr Marc Augé, “Nonluoghi. Introduzione ad una antropologia della surmodernità”,Elèuthera,2009.

  2. La surmodernità come descritta da Marc Augé, non credo possa riguardare le attività descritte nell’articolo, che sono indirizzate a valorizzare la nostra città ed in un momento di crisi come quello attuale, a sostenere le imprese in difficoltà a causa del forte calo dei consumi, con iniziative concrete che tendono a portare tanta più gente possibile a Bastia.
    Non condivido affatto la sua teoria che Bastia possa essere considerato un Nonluogo, evidentemente lei gira poco, ma, semmai ci fossero responsabilità, le vada a cercare altrove.
    Un Nonluogo è anche presentarsi in modo anonimo come fa lei, per essere coerente e credibile abbia il coraggio di presentarsi con il suo nome e cognome.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*