Le norme di sicurezza per la celebrazione di matrimoni e unioni civili

 
Chiama o scrivi in redazione


Le norme di sicurezza per la celebrazione di matrimoni e unioni civili

Con l’ultimo DPCM del 17 Maggio viene ampliata la possibilità di presenza di invitati alle cerimonie  in base alla capienza della location, con la presenza dei nubendi/parti dell’unione civile, dei testimoni, e degli invitati pur se con l’osservanza di alcune fondamentali norme di sicurezza.

A Bastia Umbra le cerimonie si possono svolgere nella Sala della Consulta , presso la sede Municipale,  fino ad un massimo di 25 persone e presso l’Auditorium Sant’Angelo fino ad un massimo di 40 persone, tenuto conto della distanza minima di sicurezza, che deve essere pari ad almeno un metro laterale e frontale.  Per la celebrazione presso le strutture private concesse in uso al comune di Bastia Umbra, ad oggi possibile presso il Relais Madonna di Campagna, le stesse garantiranno il rispetto delle misure di protezione e distanziamento sociale assicurando anche la cura della sanificazione dei locali.

L’accesso e l’uscita individuale nei luoghi della celebrazione si deve svolgere in modo da evitare ogni assembramento nell’edificio e nelle immediate vicinanze. Tutti i partecipanti dovranno indossare idonei dispositivi di protezione delle vie respiratorie  e rispettare rigorosamente la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro. Non è consentito accedere al luogo di celebrazione in caso di sintomi influenzali/respiratori o in presenza di temperatura corporea pari o superiore ai 37,5° C e a coloro che sono stati in contatto con persone positive a SARS-CoV-2 nei giorni precedenti.

Il prossimo 7 giugno verrà celebrato dal Sindaco il primo matrimonio post lockdown. Purtroppo la pandemia ha differito molte cerimonie già da tempo programmate in cui gli sposi hanno preferito procrastinare le celebrazioni anche per condividerne la gioia con parenti ed amici sperando in un allentamento del distanziamento sociale in tutta sicurezza.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*