Scuola XXV Aprile inaugurata da un mese, subito un colabrodo

 
Chiama o scrivi in redazione


Scuola XXV Aprile inaugurata da un mese, subito un colabrodo

Scuola XXV Aprile inaugurata da un mese, subito un colabrodo

Inaugurata soltanto venti giorni prima, ma è bastato un forte temporale per allagare la nuova scuola primaria di XXV Aprile, costruita a seguito dell’inidoneità statica del plesso di Bastiola. Un edificio che accoglie quotidianamente circa 350 alunni, dato che accorpa le scuole primarie di Bastiola, XXV Aprile e Cipresso e i bambini della materna di Bastiola.

Un plesso importante, dunque, per il quale l’amministrazione comunale ha speso 5 milioni 400mila euro, ma che alla prima prova con condizioni meteo avverse ha palesato tutte le criticità già emerse nella fase di trasferimento, in ragione di opere che non erano state completate.

Il gruppo della Lega, con la capogruppo Catia Degli Esposti e la consigliera Jessica Migliorati, ha presentato un’interpellanza al sindaco chiedendo come l’amministrazione intenda risolvere la questione, evitando che tali inconvenienti possano ripetersi e che alunni, genitori e personale scolastico non siano più costretti a sopportare simili disagi.

Come evidenziato infatti dai genitori degli alunni, che allarmati, anche tramite materiale fotografico, hanno segnalato i problemi alle due esponenti della Lega, nell’edificio ci sono gravi problemi di infiltrazioni d’acqua, sia dal soffitto, sia dalle porte e dagli infissi nel piano terra. “Particolare criticità – evidenziano Degli Esposti e Migliorati – sono emerse nell’aula destinata ad attività motorie e refettorio per la scuola materna, completamente allagata a causa dell’acqua che entrava dalle porte antipanico. Chiazze estese anche nel controsoffitto del primo piano, nell’area di attesa dei genitori, a causa della copertura non ancora posizionata”.

Degli Esposti e Migliorati chiedono di sapere quando sarà montata la struttura che protegge la porta d’ingresso e saranno sistemati i lavori che non appaiono eseguiti a regola d’arte.

Accanto a questo, ci sono i disagi legati alla situazione precaria della viabilità. “Perché la polizia locale – chiedono Degli Esposti e Migliorati a questo proposito – non interviene per arginare la situazione di parcheggio selvaggio che limita chiaramente la viabilità di quell’area, rendendo la strada di accesso alla scuola di fatto una strada con un’unica corsia?”.

Capogruppo Lega
Catia Degli Esposti – Jessica Migliorati

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*