La mamma delle campionesse di volley, ora, è italiana, benvenuta Carmen

La mamma delle campionesse di volley, ora, è italiana, benvenuta Carmen

La mamma delle campionesse di volley, ora, è italiana, benvenuta Carmen

Lei si chiama Carmen Burda, in Patasce, e ora è cittadina italiana a tutti gli effetti. «Erano tre anni che aspettavo – dice – e sono felice di questo risultato». Carmen, che è la moglie romena di Luciano Patasce e mamma di Giulia e Alessia campionesse di volley, è in Italia, oramai, da tanti anni. Ma, come si sa, per poter ottenere la cittadinanza italiana non è poi procedura così semplice. E’ restia a parlare di sé, ma le chiediamo come è nata la sua storia italiana e di amore con Luciano.

«Una gita in Italia – racconta – me lo.ha fatto conoscere. Era il 2002 ed è.stato amore  prima vista. Nel 2003 – racconta raggiante – ci siamo sposati».

Carmen, che in Romania ha studiato da geometra, ha mollato la sua terra per venire a vivere in Italia, a Bastiola di Bastia Umbra. Ha un fratello una mamma e il papà, purtroppo, è venuto a mancare da poco tempo.

«Dedico a lui – dice commossa – questo mio piccolo grande risultato e so che da lassù lui ne sarà felice».

I Patasce sono una famiglia moto affiatata, da quanto lo sono, non molto tempo fa Luciano, marito e padre esemplare, ha voluto comprare un’auto adeguata al trasporto di bagagli diciamo, un po’ “Speciali”. Sì perché quanto le due campionesse, Alessia e Giulia (quest’ultima in “odor di azzurro”) vanno in trasferta per le gare di pallavolo, di roba da portarsi dietro ce n’è.

Due bellissime e dolcissime figliole, Alessia e Giulia, sempre sorridenti un po’ come “mamma Carmen“, è già campionesse di pallavolo.

Ha scelto, dicevamo di venire in Italia quando ancora nella nostra nazione non era arrivato lo tsunami della Lehman brother che, di lì a poco, farà sentire i suoi terribili effetti. Eppure, forti del loro amore e di quello dei familiari, han resistito come solo le persone per bene san fare. Difficoltà? Certo come tutti, ma quando si è in coppia, quando la ragione di vita sono due creature che si affacciano al mondo, la volontà raddoppia, si triplica…e, a suggello di tanto impegno, è arrivata nei giorni scorsi la bella notizie dell’ottenimento della cittadinanza italiana.


Questo slideshow richiede JavaScript.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*