Immigrati all’ex albergo La Villa a Bastiola, al sit-in il consigliere Stefano Pastorelli

Immigrati all'ex albergo

Immigrati all’ex albergo La Villa a Bastiola, al sit-in il consigliere Stefano Pastorelli

“Stiamo approfondendo perché sembrerebbe proprio che la strada sia questa. Noi vogliamo in qualche modo lanciare il nostro messaggio. Perché qui nella zona di Bastia Umbra andare a mettere degli immigrati che potrebbero portare anche dei problemi alla comunità locale. Il nostro messaggio è stato sempre un altro negli anni: accoglienza sì a chi fugge dalle guerre, a chi è in difficoltà. Magari nel nostro comprensorio sarebbe bene accogliere i minori non accompagnati questo sarebbe un bellissimo messaggio da mandare. Non si capisce perché qui in Umbria o in altre parti d’Italia i minori non non si vedono. Noi vorremmo in qualche modo dipanare questa matassa e stiamo approfondendo. Vediamo quali saranno le condizioni e quello che succederà. La Lega vigilerà sulla questione”. A dire questo è il consigliere regionale della Lega Umbria, Stefano Pastorelli, in merito all’eventuale arrivo di immigrati all’ex albergo La Villa a Bastiola, durante un sit-in fatto fuori l’edificio, insieme a militanti, simpatizzanti della Lega e alcuni residenti, nel pomerigigo di sabato.

“Dieci giorni fa ho ricevuto in consiglio regionale l’ambasciatore straordinario del Gambia che è venuto in Italia chiedendo aiuto affinché si eviti la partenza dei loro cittadini, impedire queste traversate della disperazione per poi trovare il nulla di fatto se non lo sfruttamento. Ecco – spiega Pastorelli -, noi vogliamo evitare anche lo sfruttamento, creare delle Sinergie con questi paesi, magari anche con imprenditori locali che possano andare e portare la loro esperienza nella coltivazione delle delle terre, piuttosto che nella produzione industriale che è crescente in questi paesi. Questo è il messaggio che vogliamo mandare. L’assistenzialismo, come dicevo, non funziona più in Italia. Ci vuole progettualità e serietà. Mi interfaccerò con il Prefetto per capire quali sono intendimenti e lancerò nuovamente la proposta che ho appena detto, che è una proposta di buon senso la nostra, che non vuol dire chiudere a priori ma diamo un senso diamo un senso a questa accoglienza”.

Pastorelli ha poi spiegato che “l’accoglienza non ha un senso non è una vera accoglienza e quindi dobbiamo anche essere seri in tutto quello che facciamo”.

“Abbiamo deciso di venire qua, per dire la nostra con molta pacatezza. Ma è un messaggio che stiamo mandando da anni e vogliamo anche noi attirare l’attenzione su questa problematica che potrebbe essere veramente un problema per la comunità di bastiola di Bastia Umbra”.



 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*