Telecamere di videosorveglianza del Comune ancora una volta decisive

 
Chiama o scrivi in redazione


Telecamere di videosorveglianza del Comune ancora una volta decisive
Valeria Morettini, assessore

Telecamere di videosorveglianza del Comune ancora una volta decisive

Le telecamere della videosorveglianza del Comune di Bastia Umbra sono risultate ancora una volta decisive in indagini di polizia giudiziaria in questo caso specifico effettuate dalla Polizia di Stato del Commissariato di Assisi.

Gli agenti dei reparti del Commissariato, con a capo il Vice Questore Aggiunto Francesca Domenica Di Luca, in collaborazione con gli Agenti della Polizia Locale di Bastia Umbra, agli ordini della Comandante Maggiore Carla Menghella, grazie anche all’ausilio delle riprese del sistema di video-sorveglianza cittadino, nei giorni scorsi hanno concluso le indagini ed individuato il minorenne, proveniente da fuori Comune, colpevole di uno scippo ai danni di una anziana signora di Bastia.

Il ragazzo, poi individuato e fermato nei pressi della stazione ferroviaria di Bastia Umbra, è stato così assicurato alla giustizia con una misura di collocamento in comunità.

LEGGI ANCHE – Bastia, Tari: le deliberazioni del Consiglio Comunale 

L’Amministrazione Comunale, nel formulare  al Commissariato di Assisi le proprie congratulazioni  per la positiva conclusione delle indagini, esprime la soddisfazione per il rilievo assunto ancora una volta  dal sistema di videosorveglianza comunale nella difesa della sicurezza del territorio e conferma il proprio forte impegno in tale direzione: nei prossimi mesi, grazie ad un progetto predisposto dalla Polizia Locale e cofinanziato dall’Amministrazione comunale e dal Ministero dell’Interno, il sistema di videosorveglianza comunale verrà ulteriormente ampliato e reso direttamente accessibile alle centrali operative dei Carabinieri e della Polizia di Stato del territorio.

Valeria Morettini Assessore Politiche di Sicurezza urbana e viabilità

1 Commento

  1. Tutto fumo e niente arrosto, soldi pubblici per eliminare rari brutti comportamenti, che continuano a verificarsi in modo ripetitivo e invasivo (orinatoi a destra e manca). Ma solo questo piccolo tassello è più che sufficiente per osannare una politica inesistente e priva di ogni logica civile, ma con una velata e manco tanto intenzionalità di porsi in continua visione. Adesso siamo giunti ad un tempo in cui gli strilloni, fatte grandi e rilevanti promesse(per chi?), se ne sono tornati nell’oltretromba e con essi tutto il circondario, il quale, nei vari anni di consiglio non ha prodotto una pur minima iniziva, fortuna in ogni seduta veniva chiesta la presenza o l’assenza, altrimenti si sarebbe dovuto chiamare “Chi l’ha visti”.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*