Raffica di furti nelle auto, Lega, servono telecamere, agenti e controlli

Oltre trenta auto danneggiate è caccia ai responsabili

Raffica di furti nelle auto, Lega, servono telecamere, agenti e controlli


Brutto risveglio per oltre venti bastioli, vittime di scassi alle proprie autovetture tra vetri rotti e furti. Come Lega intendiamo ribadire l’importanza di un tema come quello della sicurezza, evidentemente presa sottogamba nelle decisioni politiche e negli effettivi controlli sul territorio. Pur confidando fermamente nel lavoro delle Forze dell’Ordine, non possiamo non evidenziare il clima di preoccupazione che si respira nella nostra città nella quale, in una sola notte, qualcuno ha potuto agire indisturbato in più zone (anche distanti l’un l’altra) provocando oltretutto i naturali rumori di rottura di vetri, senza che nessuno sia potuto intervenire limitando, almeno per quanto possibile, i danni.
In campagna elettorale, in qualità di Lega, avevamo già sottolineato l’importanza del tema; ricordiamo ad esempio – sostiene Christian Iori – l’aggressione ad un barista del luogo, furti e atti vandalici di vario genere ed entità, eppure qualcuno – continua Iori – ci aveva risposto che Bastia Umbra non è il Bronx, ma oggi siamo qui nuovamente a discuterne.
L’Amministrazione aveva parlato nello scorso novembre di telecamere, agenti e protocolli. Dispiace però verificare la situazione concreta che costa alla comunità sentimenti di rabbia e paura. Come Lega saremo intransigenti e continueremo a monitorare l’operato delle istituzioni in questo contesto.
Ribadiamo la nostra disponibilità a mettere sul tavolo i punti programmatici già presentati in campagna elettorale – suggerisce Marino – e ad attivarci in concreto nello sviluppo dei sistemi di controllo del vicinato, ancora rimasti nero su bianco ed, evidentemente, sempre più importanti.
I referenti politici Lega Bastia Umbra,
Alberto Marino e Christian Iori

1 Trackback / Pingback

  1. Furti nelle auto, nessun fermo, solo un indiziato, si stringe il cerchio

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*