Completati i lavori per il recupero dell’ex Chiesa di Sant’Angelo

Sabato 2 dicembre 2017 Inaugurazione e Apertura


Scrivi in redazione

Completati i lavori per il recupero dell’ex Chiesa di Sant’Angelo

Completati i lavori per il recupero dell’ex Chiesa di Sant’Angelo

BASTIA UMBRA – Sono in via di completamento i lavori per il recupero dell’ex Chiesa di Sant’Angelo, iniziati lo scorso luglio dall’impresa Società Vichi Angelo Srl, di  Castiglione d’Orcia (SI) arrivata prima nella gara di appalto.  I lavori del secondo ed ultimo stralcio hanno riguardato impianti e finiture, per una spesa prevista di circa 340mila euro, comprendente  anche le spese di progettazione. L’Amministrazione comunale ha fissato la data di riapertura con una cerimonia di inaugurazione nella giornata di sabato 2 dicembre 2017.

Il recupero della più antica chiesa del Borgo è stato effettuato nel periodo di amministrazione del Sindaco Stefano Ansideri, iniziato con il primo mandato nel 2009,  e confermato nelle elezioni amministrative del 2014. L’ex chiesa di Sant’Angelo, che era stata ceduta dalla parrocchia di San Michele Arcangelo negli anni tra il 1960 e 1970, ad un privato cittadino, nel frattempo era stata gravemente danneggiata dal sisma del 1997 e resa inagibile.

E’ stata acquistata dal Comune di Bastia Umbra nel 2003 per essere ristrutturata e restituita ad uso pubblico. Nel 2005, su mandato dell’Amministrazione comunale del tempo, è stato conferito  l’incarico di progettazione al gruppo di studio, composto dall’ingegnere Giuseppe Latini e dall’architetto Fabio Rossi.

Con il Sindaco Ansideri nel 2010  il progetto ha ottenuto l’assenso con parere vincolante della Soprintendenza ai Beni storici e culturali dell’Umbria.

Acquisito lo stanziamento di circa 500mila euro è stato dato il via ai lavori di consolidamento e di recupero strutturale con il coordinamento dell’Assessore ai Lavori pubblici di allora, Marcello Mantovani,  che ha avviato le procedure relative al primo stralcio. Già nella fase di impostazione, infatti, fu stabilito di procedere in due tempi distinti: il primo per la ristrutturazione e il secondo l’installazione di impianti e finiture. Il primo stralcio fu completato nel 2013. Poi, si è dovuta attendere la disponibilità di nuove risorse finanziarie con il contributo dei privati, tramite “L’Art Bonus”.

Quest’ultima fase è stata coordinata dall’Assessore Lavori Pubblici Catia degli Esposti e dai funzionari responsabili del Settore Lavori pubblici del Comune, che hanno garantito la piena regolarità e l’efficacia delle procedure messe in atto.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*