Eletto il nuovo consiglio direttivo della Pro Loco di Bastia Umbra

Eletti anche i probiviri e i sindaci revisori dei conti

 
Chiama o scrivi in redazione


Eletto il nuovo consiglio direttivo della Pro Loco di Bastia Umbra

Eletto il nuovo consiglio della Pro Loco di Bastia Umbra

«Chiedo al nuovo consiglio direttivo della Pro Loco di avviare un percorso di programma che riporti i giovani dentro la Pro Bastia, ho letto il nome dei candidati, molto autorevoli e degni di ringraziamento per la disponibilità, e agli eletti chiedo che la Pro Loco torni ad ospitare anche i giovani». E’ l’esortazione che il sindaco di Bastia Umbra, Stefano Ansideri, ha fatto in apertura della assemblea della Pro Loco di Bastia Umbra. I sessantotto soci presentatisi al voto hanno eletto: Raniero Stangoni, Ivan Ceccarelli, Claudio Giorgetti, Roldano Boccali, Marina Coletti, Mario Bastianini, Luciano Gnavolini, Marcello Migliosi, Michael Alunni Bernardini, Segio Panzolini e Matteo Santoni. Per i probiviri sono stati eletti: Daniela Brunelli, Leda Lottini e Vincenzo Leila. Per i revisori dei conti, Odoardo Stangoni, Stefano Dionigi e Marco Giacchetti. L’esortazione del sindaco va nella direzione del proseguire con l’attività svolta fino ad oggi, ma di promuovere iniziative che avvicinino alla Pro Bastia – come romanticamente la chiama il Primo Cittadino – quanti più giovani possibile. «Ritengo – ha detto Ansideri – che l’Amministrazione sia stata vicina, nei limiti delle sue possibilità, a tutte le attività della Pro Loco». Con il sindaco erano presenti in sala anche il vicesindaco, Francesco Fratellini e l’assessore alla cultura, Claudia Lucia.

«Quello di oggi non è solo un momento di assolvimento degli obblighi statutari – ha dichiarato Claudia Lucia -, ma si tratta di un giorno importante per tutta la città. E questo per il ruolo centrale che la Pro Loco ricopre nell’ambito di tutto il territorio di Bastia Umbra. Ritengo – ha aggiunto Claudia Lucia – che, oltre ad essere una risorsa, sia una “grazia” vera e propria e questo in tutte le città italiane dove esiste il sodalizio. Ha la forza di raccogliere, non solo le testimonianze del passato, non solo di farsi custode della tradizione dei luoghi e della storia, ma di promuovere ogni giorno iniziative che non vanno nella direzione di un folklore o di semplice intrattenimento, ma che sono caratterizzate da uno spessore culturale molto alto. Come altrettanto importante è il valore sociale delle attività della Pro Loco».

In chiusura l’assessore alla cultura, che è anche socio della pro Bastia, ha augurato alla Pro Loco di trovare un consiglio direttivo forte e un presidente di spessore come è stata Daniela Brunelli. La presidente uscente ha preso la parola, visibilmente commossa, e ha ringraziato subito il consiglio direttivo che l’ha affiancata e in particolare la sua vice, Monica Falcinelli. «Siamo in tanti – ha detto – e voglio ringraziarvi tutti con forza per quanto avete fatto per noi. Ci siamo dovuti gestire in modo oculato e attento, ma abbiamo messo tanta passione. L’impegno, in particolare, è stato rivolto alle iniziative culturali e territoriali: premio letterario Insula Romana, il teatro e altro ancora. Abbiamo cercato – ha aggiunto – di non dimenticare nessuno, dalla scuola alle altre associazioni. Compresa la collaborazione con il consorzio del Polo Giontella».

Eletto il nuovo consiglio direttivo

Brunelli ha poi parlato dei viaggi e del valore socioculturale e associativo che questi rappresentano anche in termini di “autonomia di gestione” della Pro Loco. Il Giornale di Bastia Umbra, diretto da Roldano Boccali, è stato reso “tascabile” su suggerimento della vicepresidente, Monica Falcinelli, diversificandolo anche dalle altre pubblicazioni locali. «Vorrei segnalare Umbria Cammina, progetto della Asl Umbria 1 – ha ricordato la Presidente uscente -, che consiste nell’aver promosso sul territorio di Bastia Umbra un gruppo di cammino – PiediBus del Benessere – che tutti i giovedì effettua un percorso diverso su sei o sette itinerari».

Il gruppo dei camminatori ha raggiunto la bellezza di 140 iscritti.  «Ce l’ho messa tutta – ha detto Daniela Brunelli -, ho lavorato con coscienza e spendendomi in prima persona. Spero di aver garantito un bel target alla città e 55 anni di attività ininterrotta credo sia già un bellissimo traguardo».  La vicepresidente, Monica Falcinelli, ha preso la parola per ricordare il grande sforzo fatto dalla Pro Loco per parlare della collezione fotografica d’epoca che esiste in proloco e di alcuni progetti che devono ancora essere terminati.

«Giornale di Bastia e Archivio storico fotografico – ha detto – sono settori di spessore e che hanno dato i loro frutti. Mi piace ricordare il “Diario di Virgilio Angelini“, presentato nel 2013, un manoscritto del 1903 la cui trascrizione da me realizzata è stata presentata poi dal dottor Mario Squadroni. Una miniera di informazioni relativa al ‘900, anche su scala nazionale e non solo regionale. Manoscritto che va studiato, con un archivio che in 18 anni di mandato ho visto crescere notevolmente».

Falcinelli ha ricordato, poi, Edda Vetturini e la sua indefessa opera e il grande patrimonio che lasciato alla città di Bastia Umbra.  La vicepresidente ha poi ricordato delle gigantografie delle tabacchine del ex tabacchificio Giontella. «Un progetto enorme – ha ricordato Falcinelli – dove abbiamo voluto riassegnare a quel luogo il ruolo, nel ricordo, che ha avuto nella storia della città di Bastia Umbra». Ci sono già tre gigantografie installate, ma il progetto prevede che,  sia la piazzetta sia viale Giontella, diventino un vero e proprio museo a cielo aperto di quella che è stata l’attività del tabacchificio». La prima riunione del nuovo consiglio direttivo della Pro Loco si terrà, probabilmente, o il 27 o il 28 di questo mese di aprile.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*