Giornata Internazionale contro la violenza sulle Donne, sala della Consulta piena


Scrivi in redazione

Giornata Internazionale contro la violenza sulle Donne, sala della Consulta piena

Giornata Internazionale contro la violenza sulle Donne, sala della Consulta piena
La serata ha visto la presentazione di “Landai” di Silvana Sonno

Il 25 novembre, Giornata Internazionale contro la violenza sulle Donne, si è svolto a Bastia Umbra, nel Palazzo Municipale, Sala della Consulta (Ingresso da Piazza Matteotti,2) un evento, aperto a tutta la Cittadinanza, volto a presentare il Punto di Ascolto di Assisi contro la violenza sulle donne della Zona Sociale 3 (Comuni di Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara, Valfabbrica). Sala della Consulta pienissima. Dal mese di agosto, il Punto d’Ascolto di Assisi, sportello destinato alle donne che subiscono maltrattamenti o violenze, è diventato riferimento per le tematiche relative alle pari opportunità e violenza di genere dell’intera Zona Sociale 3, che vede insieme Assisi, Bastia umbra, Bettona, Cannara e Valfabbrica.

Il Punto d’ascolto e’ gestito in collaborazione dall’Associazione di promozione sociale Ritmi di Assisi e dall’Associazione Rete delle Donne Anti Violenza – Onlus (RAV) di Bastia Umbra. Lo sportello, situato al Piano Terra della Sede Comunale di Santa Maria degli Angeli, Piazza Caduti di Nassirya, è accessibile nei seguenti giorni: martedì e venerdì (dalle 11.00 alle 13.00)- giovedì (dalle 16.00 alle 18.00). I Contatti: TELEFONO 075 8040290/E-MAIL puntodascoltoassisi@gmail.com .

E’ inoltr attivo H24 il numero 800861126 La serata inoltre, ha visto la presentazione di “Landai” di Silvana Sonno (Edizioni Era Nuova, 2014) raccolta di testi poetici dove la poesia è atto cospirativo e di denuncia, ripresi dalla tradizione delle donne afghane e pakistane. (Letture a cura di Marina Sozi). In Afghanistan la maggiore Associazione di scrittrici e letterate, si chiama “Mirman Baheer” ed è la versione contemporanea dell’associazione “Ago d’Oro” dell’epoca talebana in cui le donne di Herat, fingendo di cucire, si riunivano per discutere di letteratura.

A Kabul, l’Associazione odierna non ha bisogno di nascondersi: ne fanno parte insegnanti universitarie, parlamentari, giornaliste, intellettuali che hanno una vita pubblica e le facce scoperte. Ma per le restanti 300 socie delle province, l’Ass. “Mirman Baheer” funziona come una setta segreta. Al telefono dell’Associazione c’è sempre una donna, Ogai Amail, che aspetta in orari concordati le loro chiamate: le socie le recitano le poesie che non è loro permesso creare e la volontaria, anch’ella poeta, le trascrive verso dopo verso. Si tratta delle poesie landai. Landai significa “piccolo serpente velenoso” in lingua pashto: si tratta di poesie popolari, composte da due versi, che perdono la loro origine non appena vengono recitate. Saranno eseguiti degli interventi musicali a cura di Ass. Faremusica. Alla serata interverranno: Il Sindaco Stefano Ansideri e l’Assessore alla Cultura e Pari Opportunità, Claudia Lucia; Silvana Sonno, scrittrice, Socia fondatrice Rete delle donne Antiviolenza ONLUS (RAV); Marina Sozi, attrice ed i referenti del Punto d’ascolto di Assisi. Coordinerà la serata Silvana Lavelli.

[FAG id=21021]

Donne

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*