Sandro Mammoli, timoniere del Bastia felice e speranzoso dopo il derby con l’Angelana

Sono felice per questa vittoria – dice il patron Mammoli - contro un’Angelana che nel secondo tempo ha fatto vedere di che panni si veste quando si mette in testa quello che fare

 
Chiama o scrivi in redazione


Bastia calcio agli sgoccioli, Mammoli lancia segnali di chiusura presidenza
Sandro Mammoli

Sandro Mammoli, timoniere del Bastia felice e speranzoso dopo il derby con l’Angelana BASTIA UMBRA – Sandro Mammoli, timoniere del club Bastia,  analizza l’attuale momento  di calcio dei suoi perché tutti comprendano che quest’anno la società è un’altra cosa rispetto a quella del passato. Parole chiare quelle espresse dal numero uno Mammoli   sullo stato dell’arte dei biancorossi edizione 2017.

“Con un campionato condotto dall’inizio ad oggi sempre guardando dall’alto in basso le avversarie e con un gruppo tecnico, allenatore, giocatori  ed una società sportiva ed imprenditoriale attenta e vicina al nuovo corso calcistico di questo Bastia  non si può non essere felice” aggiunge il presidente Mammoli. Il derby ha letteralmente infiammato gli animi dei tifosi e della squadra dopo la vittoria sull’Angelana, gara double face formato biancorossa quella  del primo tempo, di marca giallorossa la seconda frazione. Certo è stata una disputa dove la tattica l’ha fatta da padrone perché il successo andava colto prima di tutto.

Il Bastia dimostra perizia di gioco con un organico giovane e ben assortito ma anche con una panchina di affidabilità a partire dalla giovane speranza di Mattia Ferroni, portiere.  Nel club non siede più Moreno Marchi mentre i quadri societari sembrano oramai definirsi in ogni loro aspetto anche quello medico sanitario con implicazioni professionali specifiche nel settore ortopedico e riabilitativo fisico degli atleti.

“Sono felice per questa vittoria – dice il patron Mammoli – contro un’Angelana che nel secondo tempo ha fatto  vedere di che panni si veste quando si mette in testa quello che fare. Il Bastia prosegue il suo momento tecnico favorevole e soprattutto psicologico in vetta. L’altezza non ci spaventa e c’incoraggia a tenere duro contro le agguerrite avversarie. Un Derby direi melinato ma la posta in palio era troppo importante. Era un derbissimo. Auguro ai cugini angelani di centrare i play off. Sono speranzoso per il futuro come tutto l’ambiente bastiolo, ritornato vicino alla squadra.”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*