Otto giorni di chiusura del passaggio a livello di Ospedalicchio, forse no ▶ FOTO SLIDE

il passaggio a livello di Ospedalicchio sarà lasciato per ultimo

 
Chiama o scrivi in redazione


Otto giorni di chiusura del passaggio a livello di Ospedalicchio, forse no

del Direttore
Marcello Migliosi
Il passaggio a livello di Ospedalicchio, quello della “discordia“, ancora al centro delle cronache cittadine e del territorio. Le barriere sono quelle che si trovano al Km 21+252, tra Bastiola e Ospedalicchio. Causa lavori che, da quanto sappiano, dovranno riguardare il manto stradale e sembra anche il materiale rotabile della ferrovia, il passaggio a livello resterà chiuso dalle 22 del 15 luglio alle 7 del 23.

Poco male, se non fosse perché questo inaspettato (per la popolazione ndr) cantiere, di fatto, porrà sotto “sequestro” abitanti, commercianti, e abituali fruitori della Strada regionale 147 “Viale del Popolo”.

Sì, perché nel mentre sulla Regionale Rfi apre un cantiere, sulla Statale 75 “Centrale Umbra” ne persiste uno, Anas, che dia giorni impedisce agli abitanti di Bastia Umbra, di Bastiola e Campiglione, di utilizzare appunto la quattro corsie per “saltare” il punto in cui il traffico sarà interrotto causa lavori e andare ad Ospedalicchio o direttamente verso Perugia.

La domanda che la gente si pone è come mai due cantieri in contemporanea? I più “rabbiosi” ci ricordano che quel passaggio a livello crea già una valanga di problemi, da quello legato alla sicurezza per i mezzi di soccorso, a quelli dovuti all’inquinamento causato dai gas di scarico delle vetture che, improvvidamente, vengono lasciate accese durante l’attesa del passaggio del treno. «Sarebbe ora di eliminare – dicono – quella barriera, sarebbe ora che, coi soldi già stanziati prima che sfuggano, chi ha ruolo per realizzare una viabilità alternativa, lo faccia».

Ma torniamo al problema. Chi, volesse trovare una strada alternativa viene invitato, in direzione Perugia, ad immettersi in via San Batolo a Bastiola. Ma per fare che, scusate eh. Si arriva a Santa Lucia e non è possibile immettersi sulla 75, allora uno tenta l’intentabile, e va a Bastia Umbra. Ma niente, anche qui, a Bastia 2, immissione vietata.

Arrivati a Bastia Umbra, conviene – si fa per dire – fare il sotto passaggio, immettersi sulla Centrale in direzione Foligno e uscire al primo svincolo per Assisi (nei pressi della concessionaria Fiat Marchi ndr) e da lì, tra gincane e rotatorie, risalire la rampa per andare verso Perugia. E, nel caso, la destinazione fosse Ospedalicchio, uscire alla prima per la popolosa frazione bastiola.

Alternativa ancora, e sempre nella stessa direzione, è quella che arrivato in via Monte Vettore, dopo San Bartolo – venendo da Bastiola in sostanza . arrivati alla rotatoria della della “Sace” (ci concederete questa licenza ndr), si potrà scegliere di andare per Cipresso oppure per Madonnuccia. In entrambi i casi, per potersi ricongiungere alla complanare della zona industriale di Ospedalicchio o prendere la 75 che è lì.

E dopo aver percorso non si sa quanti chilometri in più, nel “labirinto di Cnosso” la povera “massaia” con il suo “pandino” potrà arrivare a fare la spesa al supermercato, per esempio, o piuttosto si potrà andare in banca o in farmacia….Ospedalicchio ha tutta una serie di servizi che al di là delle barriere non ci sono.

Ovvio che, anche se in misura minore, i problemi ci sono anche per gli ospedalicchiensi che vogliano recarsi a Bastiola o Campiglione. Beh, per loro, come detto, è più semplice, andare a prendere la quattro corsie è decisamente più facile.

  • Abbiamo cercato di capire perché ci si sia venuti a trovare in questa situazione

Per prima cosa abbiamo chiamato Anas che ci risponde, appunto, che “il cantiere terminerà in agosto“, così, come, di fatto era stato programmato.

Seconda tappa, Erika Borghesi, consigliere provinciale, da sempre delegata alla questione viabilità. «Ci siamo organizzati con Rfi – dice al telefono alla redazione di Umbriajournal/Bastiaoggiil passaggio a livello di Ospedalicchio sarà lasciato per ultimo (rispetto a quelli dove già Rfi sta lavorando ndr), ovvero lo faranno tra un mese, o un mese e mezzo, quando Anas avrà concluso i lavori e avrà riaperto».

Tutto rimandato, a questo punto, a domani mattina, quanto la Provincia di Perugia formalizzerà la richiesta di non chiudere il passaggio a livello e quindi la strada 147, in attesa che Anas rimuova, dopo aver terminato i lavori, sul tratto interessato della Strada Statale 75 “Centrale Umbra”.



 

2 Commenti

  1. Purtroppo in questo martoriato tratto di strada si sta riversando tutta la disorganizzazione e inefficienza italiana, condita da propositi di amministratori locali che pur di apparire, lanciano ipotesi a cui nemmeno loro credono, ma ci vogliono solo far credere che a Bastia anche gli asini voleranno.

  2. L’importante è che non si arrivi a chiudere il passaggio a livello in concomitanza con l’inizio dell’anno scolastico.
    Le famiglie avranno già troppe difficoltà da affrontare, senza doversi far carico anche dei lavori di RFI

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*