Bastia Umbra Celebra il 25 Aprile con Intensità e Riflessione

Eventi e riflessioni segnano la commemorazione della Liberazione, con un forte messaggio di pace e democrazia.

Bastia Umbra Celebra il 25 Aprile con Intensità e Riflessione

Bastia Umbra Celebra il 25 Aprile con Intensità e Riflessione

Bastia Umbra Celebra il 25  – Il 25 aprile 2024 a Bastia Umbra ha avuto luogo una cerimonia sentita e partecipativa per commemorare la Festa della Liberazione, un evento che ha segnato profondamente il tessuto sociale e storico del Comune e dell’Italia intera. In questo giorno, la comunità ha onorato i caduti delle guerre con la deposizione di corone di alloro nei luoghi simbolo della resistenza e del sacrificio, da Costano a Ospedalicchio fino al centro di Bastia.

La celebrazione ha visto una partecipazione speciale degli alunni della scuola primaria E. Giuliani di Costano, i quali hanno arricchito il tributo con i loro pensieri sulla pace e riflessioni mature sulla storia, evidenziando la resilienza e la saggezza ben oltre la loro età. I bambini hanno ricordato l’importanza di superare i “piccoli” adulti, quelli incapaci di valorizzare il passato come patrimonio del presente, e hanno messo in guardia contro gli “ismi” ideologici che minacciano di svuotare il significato autentico delle nostre azioni e principi.

Questo giorno di ricordo si trasforma anche in un rinnovo dell’impegno verso i valori democratici, ha detto il sindaco Lungarotti, che sono stati solidificati con la fine del nazifascismo il 25 aprile del 1945. La cerimonia ha riaffermato l’importanza della libertà personale, di parola, di opinione e di cittadinanza, ponendo l’Italia democratica al di sopra di ogni forma di sopraffazione ideologica ed estremismo.

L’evento è stato semplice ma profondamente intenso, mirato a trasmettere un messaggio di pace, rispetto e tolleranza. Utilizzando il metodo critico, come suggerito dallo storico Marc Bloch, la cerimonia ha promosso l’applicazione di questi principi nella vita quotidiana, incoraggiando una riflessione continua sulla storia e sui suoi insegnamenti.

Un ringraziamento particolare è stato rivolto alle scuole, alla banda musicale di Costano, alle autorità civili e militari, al Corpo di Polizia Locale e alle numerose associazioni presenti, tra cui l’Associazione Ex – Internati Militari dei campi di concentramento A.N.E.I. (IMI), l’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia (ANPI), le associazioni d’Arma e Combattentistiche, i Carabinieri in congedo Sez. “Ten. Col. Espartero Petrini” e i Mutilati ed Invalidi di guerra, tutti quanti hanno contribuito a rendere questa giornata un significativo momento di comunione e riflessione collettiva.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*