Più opportunità, diritti e rispetto per le donne, lo scrive il Pd di Bastia

Più opportunità, diritti e rispetto per le donne, lo scrive il Pd di Bastia

Più opportunità, diritti e rispetto per le donne, lo scrive il Pd di Bastia

  In occasione del Primo Maggio, Festa dei Lavoratori e delle Lavoratrici, il Partito Democratico a sostegno di Lucio Raspa Sindaco, vuole porre l’attenzione sui diritti delle donne e denunciare con forza la disparità di opportunità e di trattamento delle donne nel mondo del lavoro.

Non c’è sufficiente impegno da parte della politica e delle istituzioni locali per le pari opportunità nel mercato del lavoro.

Anche se il tasso di occupazione femminile ha raggiunto il 49%, è ancora molto distante (più di 10 punti) dalla media europea.

Una distanza data dalla difficile condizione delle mamme lavoratrici che spesso sono costrette a lasciare il posto di lavoro. I dati Istat ci dicono che il 30% delle donne abbandona il lavoro dopo la prima gravidanza e che il 78% delle dimissioni volontarie riguardano madri lavoratrici.

Sono dati che impongono una riflessione e una consapevolezza anche a chi amministra un Comune, perché il livello dei servizi offerti a livello locale è decisivo e deve purtroppo sostituire le mancanze dei governi nazionali che continuano a tagliare servizi e prestazioni sociali.

Il taglio del bonus baby-sitter e dei fondi per la non autosufficienza lo dimostrano chiaramente!

Quando si tagliano prestazioni sociali si complica sempre la vita delle donne alle quali è maggiormente demandato il lavoro di cura dei figli, degli anziani, della casa.

Per noi il Primo Maggio è una giornata di festa ma soprattutto di lotta per il diritto ad un lavoro dignitoso per tutti e tutte. Per questo occorre con ancora maggiore determinazione dare concretezza alle politiche per la parità di genere facendole diventare “politiche strutturali”.

Proponiamo di introdurre nel territorio comunale il “bonus nascita”: un contributo che l’amministrazione comunale erogherà ad ogni nuovo nato come forma di aiuto alle famiglie, alle mamme nello specifico e soprattutto al piccolo nuovo cittadino.

Più nel dettaglio verrà fornita una carta contenente il credito, che pensiamo potrà aggirarsi intorno ad una somma di 1000 euro, da spendere in ogni farmacia comunale per l’acquisto di latte, pannolini, farmaci e tutto ciò che risulterà necessario per le prime settimane di vita del bambino e per la cura della neo mamma.

In un contesto governativo, che predica bene e taglia i contributi alle famiglie, come quello attuale, occorre organizzare dal basso, nella propria città, politiche per le pari opportunità che riguardano ogni sfera della vita: lavorativa, familiare e pubblica.

Con questo impegno auguriamo a tutte e tutti un buon Primo Maggio!

#avantinsiemeBastia

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*