Mascherine gratuite, a Bastia dal 17 marzo distribuite più di 6.000 pezzi

 
Chiama o scrivi in redazione


Mascherine di comunità a tutti i residenti con età maggiore o uguale a 65 anni

Mascherine gratuite, a Bastia dal 17 marzo distribuite più di 6.000 pezzi

Il Comune di Bastia Umbra, grazie al costante e ramificato impegno della Protezione Civile sotto il coordinamento del C.O.C che coordina le azioni messe in campo per contrastare l’emergenza Covid-19, dal 17  marzo  ad oggi ha consegnato gratuitamente più di 6.000 mascherine di vario genere in tutto il territorio comunale e per le categorie professionali direttamente coinvolte nel contenimento dell’emergenza. Solo tra ieri ed oggi 2.000 mascherine.

Per la cittadinanza, diverse e molteplici collaborazioni hanno permesso questa distribuzione: dalle parrocchie agli esercizi  commerciali, alle farmacie, ai punti di maggiore affluenza quali il Palazzo della Salute e gli uffici postali. Inoltre su indicazione dei servizi sociali sono state consegnate a chi ne aveva espresso bisogno per motivi di salute o difficoltà economiche o in contumacia per positività al covid-19 direttamente a casa tramite il servizio attivato “Tu resti a casa, veniamo noi da Te”. In questo caso la Protezione Civile è stata coadiuvata dal Comitato Locale della CRI di Bastia Umbra e dal Gruppo SCOUT Bastia 1  Agesci.

Altrettanta attenzione è stata posta alle categorie professionali del nostro territorio quali: i medici, il Corpo della Polizia Locale, i Carabinieri della Stazione di Bastia Umbra.

Quando usare le mascherine? L’ordinanza emanata ne obbliga l’uso ogni qual volta ci si trovi in esercizi commerciali, in altri luoghi aperti al pubblico; comunque  in ogni spazio  pubblico o privato e non  può essere  garantito il mantenimento del distanziamento sociale; se stiamo vicini ad altre persone e non abbiamo la garanzia della distanza ci dobbiamo premunire. A titolo di esempio: in tutti i negozi e in attesa di entrare negli stessi, davanti agli uffici postali, alle banche, negli ascensori condominiali. In alternativa alla mascherina, qualora non sia stato possibile reperirla, si potrà usare un indumento a copertura di naso e bocca.

Continueremo a distribuire mascherine in tutto il territorio grazie al sostegno non solo della Protezione Civile ma anche di tutti i benefattori che con la loro solidarietà e impegno personale ci donano  mascherine. Tutto questo è  espressione di una rete collaborativa fitta e coesa. Ci piace ricordare in questo comunicato l’ultima donazione di 1.200  mascherine certificate effettuata dall’Azienda Munus International  che, grazie alla forte amicizia nonché agli ormai saldi rapporti di lavoro che la legano alla Cina anche in qualità di sister company di un gruppo multinazionale con personale operante in tutta la Cina con oltre 4.000 uomini, ha  lanciato nei giorni scorsi una iniziativa solidale creando un ponte tra le fabbriche cinesi che stanno mettendo a disposizione gratuita migliaia di mascherine e gli Enti italiani tra i quali il nostro Comune. Insieme ce la faremo!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*