Va a raccogliere asparagi con la moglie e cade nel fiume, Nibbio lo recupera e porta in ospedale

Va a raccogliere asparagi con la moglie e cade nel fiume,
Nibbio lo recupera e porta in ospedale

Va a raccogliere asparagi  – Un uomo di circa 60 anni è stato gravemente ferito nel pomeriggio di oggi durante una caduta avvenuta lungo il fiume Tescio, a Bastia Umbra. Secondo quanto riferito dalla polizia di Stato – commissariato di Assisi -, le cause esatte dell’incidente sono ancora oggetto di accertamento.

La vittima si trovava sul luogo insieme alla moglie per raccogliere asparagi lungo le rive del fiume. Improvvisamente è caduto da un’altezza di tre quattro metri, riportando ferite gravi. L’ufficio comunicazioni dell’Ospedale Santa Maria della Misericordia ha descritto le lesioni come un “politrauma”.

Fortunatamente, il soccorso è stato tempestivo. Gli operatori del 118 sono intervenuti immediatamente, ma a causa della complessità della situazione, è stato necessario richiedere l’intervento dell’elisoccorso Nibbio per recuperare il corpo dal fiume Tescio.

Sul luogo dell’incidente erano presenti anche gli agenti del commissariato di Assisi, guidati dal vicequestore aggiunto Francesca Domenica Di Luca, e i vigili del fuoco. Il recupero dell’uomo è stato un’operazione delicata e impegnativa. Utilizzando un verricello, è stato possibile sollevare l’uomo imbarellato dal letto del fiume e trasferirlo nell’abitacolo dell’elisoccorso.

Dopo il trasferimento all’Ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia, l’uomo è stato immediatamente ricoverato. Attualmente, si trova in camera rossa ed è classificato come codice rosso, indicando una situazione di emergenza.

Le autorità stanno indagando sull’incidente per determinare le circostanze esatte che hanno portato alla caduta dell’uomo. Nel frattempo, la priorità è garantire le cure mediche necessarie per la sua guarigione. L’Ospedale Santa Maria della Misericordia sta fornendo le cure specialistiche richieste, mettendo a disposizione tutte le risorse necessarie per la sua stabilità e recupero.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*