Recovery plan, presentazione dei progetti di Bastia Umbra

 
Chiama o scrivi in redazione


Riprende a Bastia la discussione sul Piano regolatore

Recovery plan, presentazione dei progetti di Bastia Umbra

Riqualificazione urbana, crescita economica, miglioramento della qualità della vita, politiche giovanili, servizi e digitalizzazione, inclusione sociale, vere e proprie proposte progettuali, alcune già in essere ed altre nuove per Bastia Umbra, che l’Amministrazione ha presentato alla Regione. Partecipare al Recovery Fund per un Comune come Bastia, punto di riferimento economico, produttivo dell’Umbria vuol dire tornare a sperare in un futuro di riqualificazione, innovazione, valorizzazione di un patrimonio che la pandemia ha mortificato: la dimostrazione che le difficoltà possono essere anche grandi opportunità.

Tre i focus della progettualità: Centro fieristico regionale, inclusione, vivibilità.

  • Il Centro fieristico regionale in primis, con l’obiettivo di riqualificazione, innovazione, ammodernamento.  E’ da anni che UmbriaFiere, la Società che gestisce da sempre il Centro Fieristico, e l’Amministrazione Comunale, proprietaria degli immobili nonché socio della Società,  pongono all’attenzione degli organi competenti la necessità oramai improcrastinabile di rinnovare il centro fiere rendendolo competitivo sia sul piano dell’ evoluzione ed integrazione delle funzioni tradizionali, sia per competere in modo efficace con la  tendenziale “smaterializzazione” delle attività di promozione e vendita.

Grazie alle opportunità che possiamo cogliere dal Recovery Plan, il polo fieristico, baricentrico rispetto alla nostra regione, può rappresentare maggiormente il suo ruolo strategico rispetto alle città d’arte, all’Aeroporto di San Francesco, ai servizi, ai centri sportivi come altresì riferimento di strategie digitali ma anche economiche e turistiche.   Rinnovare e valorizzare UmbriaFiere non significa soltanto rimodulare e riqualificare accrescendone le funzionalità, ma valorizzare e ampliare la struttura nella rigenerazione immobiliare per un futuro che riporterà il settore fieristico ad essere un settore fondamentale per lo sviluppo economico di tutto il Paese.

-L’inclusività, con la proposta progetti di riqualificazione degli edifici pubblici dismessi per servizi e progetti socio assistenziali rivolti a giovani, anziani e minori. 

Bastia Green, per una qualità migliore della vita. Nel paesaggio pianeggiante della nostra città non potevamo non proporre la mobilità sostenibile, le piste ciclabili, la riqualificazione e l’incremento delle aree verdi.

Per risultare “vivibile”, una città deve dimostrarsi dinamica, resiliente, innovativa e solidale, rispondere alle sfide e alle “pressioni globali”, attenta al singolo e alla comunità tutta cercando di cogliere e promuovere iniziative, servizi e condizioni che nel complesso migliorino la qualità della vita stessa. Inclusività e vivibilità sono le condizioni basilari per sentirsi parte attiva e propositiva della comunità.

Far parte del Piano nazionale di ripresa e resilienza  – PNRR – attraverso la rigenerazione del patrimonio pubblico, la valorizzazione  e la  protezione dell’ambiente  riqualificando il territorio, strutturando una  economia green  e di recupero territoriale per il Comune di Bastia Umbra che si trova in una posizione strategica rispetto all’asse viario Perugia – Foligno, vicina ad Assisi, con un  territorio pianeggiante, permette di valorizzare lo sviluppo sociale,  economico, culturale, ecologico,  dando una forte spinta  alle attività artigiane, commerciali, industriali e turistiche.

Bastia è il primo comune della Regione per densità di popolazione per kmq. Il legame tra il futuro e il presente con una progettualità complessiva per trasformare, sviluppare e migliorare la vita della città è imprescindibile dal potenziamento delle competenze, dalla coesione sociale e dal recupero di quello che è stato ieri trasformandolo a nuova vita per un domani che mantenga una visione di cultura del territorio, legame con i cittadini e con tutte le realtà regionali. La riqualificazione di opere urbane, la mobilità sostenibile sono un ponte di collegamento con i territori che ci circondano per una ricaduta economica sul territorio. Investire nel miglioramento dell’ambiente urbano produce inoltre capacità attrattiva e quindi anche vantaggi economici.

Complessivamente il piano Bastia Future Recovery Plan, inviato alla Regione, si articola su tre linee di sviluppo strategiche e connesse con le missioni del PNRR per favorire il perseguimento degli obiettivi prima declinati.

Queste le proposte presentate.

Digitalizzazione, innovazione, competitività e cultura

Digitalizzazione, innovazione e sicurezza nella pubblica amministrazione

– Bastia sempre più Smart.

-Ampliamento e riqualificazione Scuola di Musica comunale

-Recupero e restauro conservativo Cimitero Monumentale Bastia

-Rigenerazione ex Mattatoio Costano: Museo della Porchetta

Rivoluzione verde e transizione ecologica

Efficienza energetica e riqualificazione degli edifici
Riqualificazione, ampliamento, adeguamento sismico edifici scolastici:

-Scuola media XXV Aprile

-Complesso scolastico Costano

-Scuola dell’Infanzia Bastiola

-Complesso scolastico Ospedalicchio

-Scuola media Bastia centro

Riqualificazione impianti sportivi:

-Palazzetto dello Sport

-Stadio Comunale capoluogo

-Impianto sportivo di Costano di via Fiume e di via Amendola

-Ampliamento e riqualificazione Centro Fieristico Umbro

-Realizzazione piste ciclabili: via Roma, via Mantovani, completamento delle piste ciclabili

Mobilità sostenibile: Completamento collegamento ciclo-pedonale Assisi – Spoleto

-Tutela e valorizzazione del territorio: Recupero e Riqualificazione ambientale ex depuratore Costano per attività ludico-sportiva

-Riqualificazione Piazza Mazzini e Piazza Cavour

-Riqualificazione arborea

Inclusione e coesione Infrastrutture sociali, famiglie, comunità e terzo settore

-Rigenerazione ex Clinica Pelliccioli: coworking – centro diurno anziani – casa delle associazioni

-Rigenerazione ex scuola Madonna di Campagna: spazio biblioteca, centro diurno BES

-Ampliamento Centro Sociale di Campiglione per sede Gemellaggi

-Realizzazione aula studio universitari e sportello digipass Frazione Ospedalicchio

-Università dei Mestieri: un polo per generare lavoro, cultura, trasmissione e innovazione mestieri.

Infrastrutture per la mobilità sostenibile

-Rotonde sul Ponte di Bastiola e via Hochberg

-Completamento viabilità per collegare la zona industriale di Ospedalicchio con la Perugia- Ancona.

-Realizzazione Ponte sul Fiume Chiascio

Un Piano chiaramente complesso ed articolato, ambizioso, per Bastia Umbra una grande opportunità che ci auguriamo venga tenuta nella giusta considerazione. Una partita fondamentale per il futuro.

1 Commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*