Passaggio a livello Ospedalicchio e viabilità collegata, occasioni perdute

Altro comunicato, altre assurdità dell’Amministrazione di destra che governa Bastia da 10 anni

Passaggio a livello Ospedalicchio e viabilità collegata, occasioni perdute

Passaggio a livello Ospedalicchio e viabilità collegata, occasioni perdute

da Erigo Pecci,
Segretario Pd di Bastia Umbra

Altro comunicato, altre assurdità dell’Amministrazione di destra che governa Bastia da 10 anni. Ripetiamo ciò che già abbiamo detto: se non fosse stato per il Partito Democratico, nessuno sarebbe venuto a conoscenza del problema. È un merito relativo che ci diamo, perché il bene sta nella partecipazione al dibattito dei cittadini, e il male nel problema creato dalla Giunta e dai suoi componenti.

PD Bastia, ad una settimana dall'elezione a segretarioÈ stato infatti il PD a organizzare un’assemblea partecipativa: la Giunta che amministra Bastia, invece si è guardata bene dal convocare qualsiasi genere d’incontro. D’altronde, stante i fatti, sarebbe stata – come è stata – l’occasione per certificare scelte sbagliate e fallimenti conclamati di questa amministrazione. Ma l’assurdo nell’assurdo – che che dimostra il modus operandi di Fratellini, Lungarotti e Co – arriva adesso, a cinque mesi dalla fine della legislatura e dopo dieci anni di governo, ci vengono a dire che su impulso dell’Amministrazione è stata depositata una mozione per sollecitare la Regione e la Provincia all’intervento. Ma non si poteva fare prima, ammesso che fosse questa la strada giusta?

Fino ad oggi cosa hanno fatto sindaco e giunta bastioli? Com’è possibile che tre organi di Governo del territorio non abbiano trovato il modo di dialogare per realizzare un’opera già finanziata?

Quali azioni ha intrapreso l’amministrazione comunale di Bastia? Si ricorda che il Comune di Bastia è l’unico soggetto che per competenza territoriale e per interesse dei propri cittadini doveva sin da subito farsi carico di sollecitare e guidare il processo. Ci si rifà a convenzioni e protocolli, coperte burocratiche, ma come già presentato in assemblee pubbliche e condiviso con cittadini e associazioni, il progetto sostenuto dal Comune di Bastia è economicamente fuori budget, di grande impatto ambientale e non considera complessivamente l’interezza della città.

L’ostinazione nel sostenere un progetto che si è bloccato per oggettive difficoltà, il non aver approfondito soluzioni alternative, fa venire il sospetto che si vogliano perseguire interessi elettorali di parte, scaricando le proprie responsabilità, atteggiamento che non aiuta certo Bastia.

Come si evince dagli atti, il Sindaco ha convocato le parti, ma l’esercizio è rimasto solo nei verbali: se gli assessori che lo circondano avessero approfondito la tematica, sopratutto quelli a cui competono certe opere pubbliche, probabilmente si sarebbe arrivati prima alla soluzione. Ad oggi abbiamo un grave disagio che blocca il traffico veicolare per un lungo intervallo di tempo: un argomento che chiunque ha preso quella direzione negli ultimi giorni ha potuto affrontare personalmente. Non bastasse il disagio, c’è anche il forte rischio che le disponibilità economiche vengano dirottate dal Ministero delle Infrastrutture in altri territori, addirittura in altre Regioni.

Sarebbe l’assurda conclusione di un coacervo di incapacità e ostinazioni, di una condotta che si nasconde dietro alle carte, ma ignora i reali problemi della gente (di chi deve percorrere quella strada per andare al lavoro, di chi vive in prossimità del passaggio a livello e oggi respira smog, della possibilità di realizzare una nuova viabilità che aiuta i quartieri di Bastiola e XXV Aprile e una pista ciclo pedonale che colleghi Ospedalicchio al centro di Bastia). Le responsabilità saranno valutate dai cittadini, con cui la giunta comunale bastiola ha evidentemente perso il contatto, o forse ha scelto di non ascoltare per qualche altro genere di interesse. +++ Gruppo Consiliare Partito Democratico Unione Comunale Partito Democratico Bastia Umbra Bastia Umbra 03/01/2018

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*