Paola Lungarotti: Un Futuro Sostenibile per Bastia Umbra

Un piano ambizioso per una città all'avanguardia, inclusiva e sostenibile

Paola Lungarotti: Un Futuro Sostenibile per Bastia Umbra

Paola Lungarotti: Un Futuro Sostenibile per Bastia Umbra

Paola Lungarotti, candidata alla carica di sindaco, ha delineato un piano per trasformare Bastia Umbra in una città del futuro. Il suo programma “Obiettivo 100 giorni” mira a creare nuove aree giochi e a potenziare quelle esistenti negli spazi verdi del nostro territorio. Questi luoghi non saranno solamente terreni di gioco, ma veri e propri centri di inclusione, dove ogni bambino può sentirsi apprezzato, sostenuto e libero di esprimersi.

Lo sport è visto come uno stile di vita, inclusione e appartenenza, aggregazione. Sempre con particolare attenzione ai fragili e attività inclusive. Abbiamo intrapreso la ristrutturazione dei maggiori impianti sportivi di Bastia per tutelare la sicurezza degli atleti e per tutta la comunità, interventi attesi da anni che con coraggio e coerenza stiamo portando a compimento.

Azioni di riqualificazione, interventi per la sicurezza con investimenti di 41 milioni di euro, provenienti da risorse del bilancio comunale e fondi pubblici e PNRR. Il programma di opere pubbliche che vogliamo realizzare nel prossimo mandato farà di Bastia una città modello e all’avanguardia.

Rafforzare e sviluppare l’attuale tessuto imprenditoriale e artigianale attraverso una progettualità definita e concreta. “Viva i Mestieri!” Creazione e sostegno di percorsi di formazione e riqualificazione professionale in collaborazione con scuole, università e associazioni di categoria.

L’attrattore culturale trova la sua forza nella rigenerazione urbana della città. Dal sostegno alle principali manifestazioni culturali cittadine, all’incentivazione della Street Art con il coinvolgimento dei giovani, delle scuole, con il supporto a tutte le associazioni di volontariato e la partecipazione delle associazioni di categoria, per costruire reti con gli operatori del commercio e della ristorazione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*