Un’iguana in giardino a Bastia Umbra recuperato dai vigili del fuoco

Un'iguana in giardino a Bastia Umbra recuperato dai vigili del fuoco

Un’iguana in giardino a Bastia Umbra recuperato dai vigili del fuoco

La squadra di Assisi è intervenuta intorno alle 16.50 a Bastia Umbra per recuperare un esemplare di iguana. L’animale, trovato in un giardino privato, inizialmente è stato scambiato per un giocattolo ma quando si è mosso il proprietario del giardino si è spaventato e ci ha chiamati. L’animale verrà affidato ad una struttura che se ne prenderà cura.


L’iguana è un rettile appartenente alla famiglia delle iguanidi. Nell’aspetto è molto simile ad una grossa lucertola e si caratterizza per la presenza in età adulta, di una lunga cresta sul dorso. Nelle femmine questa caratteristica è meno accentuata che nel maschio. La forma della testa è più tonda negli esemplari femmina e più triangolare nel maschio.

Arrivano a raggiungere anche i 2 metri e mezzo di lunghezza. Come tutti i rettili sono a sangue freddo, quindi hanno bisogno di regolare la propria temperatura corporea sfruttando l’ambiente circostante. Per questo la mattina appena sveglie escono dalla tana per andare a distendersi al sole, dove restano per alcune ore, fino a quando non si mettono alla ricerca di qualcosa da mangiare.

Nelle ore più calde della giornata preferiscono restare all’ombra. Sono animali tendenzialmente erbivori anche se non sono rari i casi di ingestione di insetti. Sono molto ghiotti di fiori di ibisco e di foglioline di basilico.

Di notte restano nascoste nella tana scavata nel terreno in attesa dell’arrivo del giorno. Sono animali molto resistenti e sono eccellenti nuotatori. Hanno una vista molto sviluppata che gli consente, a differenza della maggior parte dei rettili di distinguere alcuni colori. Hanno un ottimo udito. I maschi tendono a scontrarsi e a combattere per la difesa del territorio e della femmina.

Da giovani le iguane sono di un verde brillante con strisce scure che attraversano tutto il corpo e che gli consentono di mimetizzarsi tra i rami. Il colore diventa meno brillante man mano che l’animale invecchia.Hanno dita robuste e dotate di unghie ad uncino che gli consentono di arrampicarsi sugli alberi dove trascorrono gran parte della loro giornata. I denti sono piccoli e seghettati per poter tagliare e masticare le foglie di cui si nutrono ingoiandole quasi intere.

Sotto la gola hanno la giogaia, ovvero, una piega di pelle che ha funzioni di termoregolazione, oltre che comportamentale perché viene mostrata quando intendono spaventare gli avversari. Sulla testa hanno un organo detto terzo occhio, che è una struttura nervosa coperta da squame trasparenti e che si collega direttamente al cervello. E’ un ricettore della luce e serve per aiutare l’iguana a distinguere la notte dal giorno. La coda, infine, è molto lunga e viene utilizzata per colpire gli avversari, per nuotare. Come le lucertole possono decidere di auto amputarsi la coda per scappare ai predatori. Coda che poi ricrescerà di colore e con scaglie diverse dall’originale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*