La Casa di Jonathan, inaugurazione domenica 8 novembre

 
Chiama o scrivi in redazione


La Casa di Jonathan, inaugurazione domenica 8 novembre
La Casa di Jonathan, inaugurazione domenica 8 novembre

La Casa di Jonathan, inaugurazione domenica 8 novembre
Un percorso lungo, fatto di passione, competenze e partecipazione, porta sempre a un grande traguardo: domenica 8 novembre, alle ore 16, presso il villaggio XXV Aprile di Bastia Umbra sarà inaugurata “La Casa di Jonathan” de “Il Giunco”, l’Associazione di genitori e amici di ragazzi disabili che dal 1996 si impegna per il sostegno e l’integrazione di persone diversamente abili e delle loro famiglie.

La Casa di Jonathan, che deve il suo nome a “Il Gabbiano Jonathan”, simbolo dell’associazione, è una struttura residenziale costruita ex novo su tre piani e adibita all’ospitalità di persone con disabilità senza assistenza familiare ma anche a numerose attività rivolte ai disabili con le famiglie e alla comunità tutta, nello spirito dell’Associazione che opera anche per fare rete con le Istituzioni, con le scuole, i corpi sociali, la Parrocchia e il territorio tutto.

Nel complesso, la Casa di Jonathan sarà dotata di un centro diurno e di un gruppo appartamenti per 18 persone.

Un progetto possibile grazie all’impegno dell’Associazione e di tanti volontari, ma anche al contributo della Regione Umbria, del Comune di Bastia Umbra e di Enel Cuore, la Onlus di Enel che opera senza scopo di lucro gestendo le risorse destinate alla filantropia nel rispetto dei valori espressi dal Codice Etico dell’azienda e che dal 2004 a oggi ha investito 53 milioni di euro in iniziative di solidarietà sociale a sostegno di quanti vivono in condizioni svantaggiate.

Enel Cuore Onlus ha sostenuto il progetto de “La Casa di Jonathan” con un contributo di 100.000 euro utile al completamento del piano terra adibito a centro diurno, alla sistemazione degli spazi esterni e all’acquisto dell’arredamento.

All’atteso taglio del nastro saranno presenti la presidente dell’Associazione “Il Giunco” Rosella Aristei, il Sindaco di Bastia Umbra Stefano Ansideri, l’On. Giampiero Giulietti, il Senatore Luciano Rossi ed Emiliano Maratea, referente per gli affari istituzionali Toscana e Umbria di Enel. All’iniziativa interverranno anche la prof. Stefania Guerra Lisi dell’Università Tor Vergata di Roma con la relazione “La globalità dei linguaggi” e l’Assessore alla coesione sociale e al welfare della Regione Umbria Luca Barberini, che illustrerà “Il progetto dopo di noi in Umbria”.

Chiuderanno l’evento la benedizione di don Francesco Santini, la performance d’arte di giovani del territorio e del Liceo Artistico Magnini di Deruta e l’aperitivo di solidarietà in collaborazione con l’Istituto Alberghiero di Assisi.

“Vorrei ringraziare tutti coloro che si sono prodigati per raggiungere questo grande traguardo – ha detto Rosella Aristei – da dieci anni ci impegniamo con tenacia per dare una risposta alle famiglie che affrontano tutti i giorni la problematica della disabilità.

Un sogno al prezzo di una sfida, questa è stata la Casa di Jonathan. Un grazie particolare a Enel Cuore Onlus che è intervenuta in modo decisivo per portare a termine il progetto, alla Regione Umbria e al Comune di Bastia Umbra, a tutti i volontari. Il futuro è sulle ali del gabbiano Jonathan e nel cuore di coloro che vorranno dedicare qualcosa di sé ai ragazzi meno fortunati”.

Casa di Jonathan

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*